Altro che prosecchino

Che il Prosecco sia ormai un fenomeno enologico italiano, non c’è alcun dubbio. Sono anni che la crescita di vendite non si arresta, e sempre più mercati vengono conquistati dalle più famose bollicine venete.

Economia e Prosecco

Mediobanca dedica ogni anno un rapporto al mercato del vino, uno dei segnali che, se pure ce ne fosse bisogno, è un forte traino dell’economia locale, non solo per i produttori ma per tutto l’indotto che ruota attorno ai grappoli di glera. Potete leggere il mio post e scoprire perché il Prosecco piace, anche in Francia. 

Nel report del 2018, fra le prime 30 aziende vinicole italiane praticamente tutte hanno almeno una etichetta di prosecco fra i loro prodotti.  Prima fra tutte è Cantine Riunite & CIV, con un fatturato di 615 milioni di €, un aumento del 3% rispetto al 2017. 

Il gruppo emiliano ha fra le proprie consociate il Gruppo Italiano Vini, altro colosso della produzione; nel 2002 Cantine Riunite acquista le Cantine Maschio, e nel 2008 viene fondato il gruppo insieme a CIV. 

Il secondo posto è ancora di un gruppo emiliano, la cooperativa Caviro di Faenza, con 330 milioni di € di fatturato, seguita da Antinori con 230 milioni di €. Il Prosecco ha un buon effetto traino non solo nelle vendite, ma anche come prodotto di punta per introdursi nei mercati esteri.

I mercati esteri più promettenti in termini di crescita di volumi sono Regno Unito, Canada ed USA; la sola denominazione Conegliano Valdobbiadene, nel 2017, ha esportato in totale più di 11 milioni di bottiglie (dati I numeri del Vino), pari a circa 89.000 ettolitri. Interessante notare che il valore di queste esportazioni è stato pari, nei tre paesi, a 11,8 milioni di € (7,4 Regno Unito, 3,2 Stati Uniti, 1,2 Canada), per una media di 1,4 €/litro. In Italia sono state vendute 50 milioni di bottiglie per un valore di 280 milioni di €, ossia 7,4 €/litro.

Scarica gratis le note da Benvenuto Brunello 2012
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.