Close

4 marzo, 2013

Anteprima Nobile di Montepulciano – II Parte

MontepulcianoL’annata pronta per il mercato (2010), accreditata di 4 stelle su 5 (ottima), ha visto piogge insistenti e basse temperature nei mesi di aprile e maggio. Quest’andamento meteorologico ha determinato un lento sviluppo vegetativo dopo il germogliamento, avvenuto nella seconda decade di aprile.

Il passaggio alla stagione calda nei primi giorni di giugno è stato assai brusco; di conseguenza lo sviluppo è ripreso con forte accelerazione, la fioritura è iniziata e si è conclusa nell’arco dei 10 giorni successivi ed è quindi stata tarda e breve. Il periodo estivo, non particolarmente caldo, è trascorso senza eventi piovosi significativi.

Ai primi di agosto, con l’inizio dell’invaiatura, l’attività vegetativa ha iniziato a rallentare e in molti vigneti si è arrestata alla metà del mese. La fine agosto è coincisa con il completamento dell’invaiatura e la maturazione è proseguita senza particolari squilibri fino alla fine di settembre, caratterizzata da significative escursioni termiche che hanno giovato all’espressione aromatica. La vendemmia è stata effettuata tra la fine di settembre e la prima decade di ottobre. 

Vino Nobile di Montepulciano 2009.

Il Macchione. Quadro olfattivo in principio poco definito, poi assestandosi si rivela denso e rivela profumi di frutta rossa fresca (fragola, ciliegia), un ricco bouquet di fiori di campo, tabacco dolce, gemma di pino e un tocco di canfora. Sorso slanciato, dinamico, non oppresso dal calore che si sviluppa dalla fase centrale. Interessanti la trama fitta dei sapori – prugna, fragola, sorba –  e la fattura robusta dei tannini, peraltro ben infusi. Progressione continua grazie alla qualità e tensione dell’acidità.

Cantina del Giusto “San Claudio II”. Ispirata, verosimile caratterizzazione fruttata matura insieme a fieno caldo, salagione, viola, cardamomo. Buona freschezza all’impatto, tensione dosata e tannini molto fini a movimentare la percezione gustativa di prugne, ribes e fragole in gelatina, timo, menta e scorza d’arancia candita.

Le Berne (degustato presso l’Enoteca Consortile al Palazzo del Capitano). Naso didattico, semplice e intenso: a ciliegia e prugna si accompagnano grafite, terriccio, iris e rosa. Sviluppo e articolazione gustativa molto regolari, quand’anche non particolarmente coinvolgenti. Sapido e giustamente tannico, un invito alla bistecca.

Boscarelli (degustato presso l’Enoteca Consortile al Palazzo del Capitano). Più nette le note balsamiche e di erbe aromatiche: eucalipto, anice, maggiorana, rosmarino. Frutto scuro maturo sullo sfondo. Bocca serrata in attacco, viva e liquescente acidità, riscontri fruttati e note di tabacco, fogliame, cola. In progressione “stringe” e chiude quasi sbrigativamente. Coda speziata.

Romeo (degustato presso l’Enoteca Consortile al Palazzo del Capitano). Il meno disteso tra i 2009 degustati, forse anche il meno convenzionale. Va atteso. Lentamente si dischiude e ispira henné, polvere di gesso, mora, aronia, rabarbaro e ferro caldo. Molto mutevole: servono quindici minuti per estendere sensibilmente l’assortimento di frutti, ora anche rossi, sempre piccoli e aspri, sempre sottolineati da impressioni amare (ruta, china). Bocca austera ed essenziale, sensazioni di bacche, fiori blu, rosmarino e terra umida regolate, insieme a quelle caloriche, dal saliente acido. Sale nero, muschio e tabacco da pipa per un finale decisamente scuro. Da seguire.  

 

Si, voglio ricevere le note di degustazione
di Benvenuto Brunello 2012
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *