Assaggi all’Enoteca Trucchi

Assaggi all’Enoteca Trucchi

L’evento di fine giugno, il 26 per essere precisi, all’enoteca Trucchi di Roma, oltre che una degustazione è stata una serata in compagnia di ottime persone ed altrettanto piacevoli vini.
Stefania e Miriam hanno organizzato tutto per bene, un tavolo conviviale ed allegro, le etichette scelte con attenzione e con la giusta temperatura, con Miriam a guidarci attraverso i vigneti.
Tre vini in assaggio, due bianchi ed un rosso, due naturali ed uno convenzionale, se ancora si può dire così, tre etichette con la caratteristica fondamentale della loro grande bevibilità, che faceva indulgere al ritorno al bicchiere per berlo, il vino, e non solo per analizzarlo.
A volte, tentando di riconoscere aromi lievi nel calice, stando attenti a valutare l’equilibrio o la morbidezza, rischiamo di perdere di vista la piacevolezza di bere proprio quell’etichetta piuttosto che un’altra. Rischiamo di essere semplici collezionisti di profumi e di gusti, piuttosto che amanti del vino.
La prima delle tre etichette proposte è stato l’Esperienze Rosso 2010 di Gaspare Buscemi.  Senza solforosa.

Esperienze Rosso 2010 Gaspare Buscemi

Immediatezza balsamica che accompagna un bel floreale di rosa e viola, poi susina leggera, rendono subito allegra la serata, dove l’enumerazione delle proprie sensazioni olfattive si legano di continuo a piccoli aneddoti di vita personale, non necessariamente riguardanti il vino.
Cabernet franc, cabernet sauvignon, merlot, il classico uvaggio bordolese è arricchito dal refosco che dona alla bevuta un ritorno di spezie dolci. Nel bicchiere si fa attendere, concedendo man mano aromi più scuri rispetto ai riconoscimenti olfattivi precedenti, cuoio e funghi.
Al palato si presenta con una piacevole freschezza,  tannini leggeri e rotondi nonostante la giovane età.
Una seconda bottiglia aperta subito dopo appare invece più matura e profonda, come se fosse di qualche anno più anziana; stranezze particolari del vino di Buscemi.
Potenzialità di affinamento molto ampie, un vino che non ha paura del tempo che passa, caratteristica  della maggior parte dei vini che portano la firma di Gaspare Buscemi.

Erbaluce di Caluso 2010 Cieck

Il secondo vino stappato è l’Erbaluce di Caluso 2010 di Cieck un vino convenzionale ben fatto, ossia non esagerato nei suoi tratti, con profumi leggeri di rosmarino e limone, di biancospino e camomilla che sono perfettamente in linea con la gustativa, sapidità e freschezza che riempiono la bocca e la profumano.
Non di consistente lunghezza, gode però di una gradevole bevibilità; non certo un vino destinato ai tempi lunghi, ma non è un difetto, solo una sua caratteristica.
Per finire, un vino delizioso, non ho altre parole per definirlo.
L’SP68 2011 di Arianna Occhipinti, albarello e zibibbo in un abbraccio davvero speciale.

I profumi si svolgono al naso in modo continuo ed elegante, una ventata aromatica dal bicchiere e poi a pioggia buccia di cedro candita, agrume, la mineralità della pietra ed il vegetale delle foglie di limone scaldate al sole.
Fresco e sapido al palato, rinfresca completamente il cavo orale e lo rende pronto per il successivo sorso, dissetante, godibile per ogni senso.
Anche stavolta, una piacevolezza di bevibilità che lo rende un compagno eccellente per queste giornate particolarmente calde.

Tre ottime etichette, dunque, accompagnate non solo dagli stuzzichini e dalla pasta fredda, non solo dalla simpatia di Miriam e dalla bravura di Stefania, ma soprattutto dall’atmosfera di informalità e, direi, dalla mancanza di seriosità che invece è presente in alcune degustazioni convenzionali ospitate in grandi alberghi.

Scarica gratis le note da Benvenuto Brunello 2012
We respect your privacy.

Un pensiero riguardo “Assaggi all’Enoteca Trucchi

  1. Un articolo intenso e delicato allo stesso tempo dove i profumi ed i sapori si intersecano tra le belle parole scritte per ricordare una bella serata tra persone amabili che hanno reso la degustazione dei vini uno scambio di emozioni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *