Close

13 maggio, 2013

Benvenuto Brunello 2013 – Riserva e Selezioni

IMAG1392_2

Qui le parole più utilizzate, per quanto riguarda i descrittori, riguardano le spezie, il balsamico, i tannino e la rosa. (Wine Roland)

BRUNELLO 2008 SELEZIONE

Tiezzi Vigna Soccorso. Kirsch, slivovica, melagranata e gelatina di mirtillo nel mezzo di un mare di rose. Da tre anni è tra i miei preferiti. Accogliente, rende nel corpo appena più snello e nervoso del solito le peculiarità dell’annata senza derogare dalla vena sinuosa che lo caratterizza. Si distende sicuro, senza cedere in slancio alla vena alcolica, rispecchiando al gusto le sensazioni olfattive e ornandole di radici, timo, corteccia. Consueta trama tannica robusta e terrosa, ben infusa, ferma e non graffiante.Dulcis in fundo: il rapporto qualità-prezzo.

Banfi Poggio alle Mura. La maggiore articolazione olfattiva rispetto al vino-base sembra frutto di ricerca più che di libertà espressiva. Più intensità, soprattutto un’insistita e soverchiante risposta aromatica (balsamica, speziata: legno di rosa, cannella, noce moscata, foglia d’alloro, mentolo, canfora)con l’ossigenazione, insieme a sensazioni di alcol e frutta matura. In bocca è pieno, salinità e freschezza sostengono lo sviluppo fino alla fase mediana restituendo ciliegia, ribes rosso e quel fondo di mandorla e nocciola tostate che prelude al finale: il vino si fa più magro, si accentuano i sapori di spezie dolci e tostatura, restano i tannini di per sé non aridi ma spiazzati dalla relativa debolezza delle parti morbide, fresche e fruttate.

BRUNELLO 2007 RISERVA

Tenuta Le Potazzine Riserva 2006 (degustazione all’anteprima). Naso fitto, chiuso e serio, accessibile solo per i cenni di ardesia, tè nero e verde, terriccio e cipresso, per il sottile filo ferroso, sopraordinati al composto, seminascosto frutto scuro. Sorso pieno e avvolgente, misurato per slancio e tensione, fine nella trama tannica e nella traccia minerale, poderoso per diffusione e durata della presenza tattile e gustativa. Ancora una volta è una promessa.

Tiezzi Vigna Soccorso. Ancora il frutto, rosso (susina, ciliegia) e nero (gelso), in gradi diversi di maturazione, con cenni fragranti di fico e anacardo, e ancora alloro, rosmarino, patè di olive, cenere. Una tra le poche Riserve a significare una statura superiore all’Annata della medesima casa: si presenta subito di maggiore struttura ma a spiccare sono prima lo slancio, la definizione dei sapori in un complesso pur molto denso. In progressione si distende, prende e irrora di freschezza la bocca, quindi la colma di una sensazione calorica corroborante. Ritorna il frutto, si affacciano note di ruggine, terra umida, tabacco, concia e malto, lungo esodo scandito da tannini severi e composti.

Banfi Poggio alle Mura. Mora, fragola, note balsamiche (mentolo), lardo, grafite, corteccia e pot-pourri di spezie. Un ventaglio ampio e intenso ancora in via di composizione. Al palato ha slancio bastevole ad animare la rotondità e la densità di una materia spessa e a domare la nota alcolica. Progressione lineare, a metà bocca emerge il legno e va a stringere il finale, che regala un’eco balsamica e tracce di cacao amaro.  

Barbi (degustazione presso l’azienda il 5/2/2013, note precedentemente pubblicate su Intravino). C’è una nota che apre sommessa e si fa strada lentamente, emergendo alla distanza insieme a quelle più immediate di frutti di bosco, gelatine di ciliegia e lampone, felce, rosmarino e liquirizia: fiori rossi, peonia. A corredo cenni di smalto, chiodo di garofano, bergamotto, tabacco Sobranie e ferro. Di certo vi è maggior concentrazione, che tuttavia risulta in maggior forza e complessità. Gusto pieno per il passaggio radente dei tannini, per l’acidità fendente, per la diffusione calorica. La tensione e la persistenza maggiori, insieme alla più profonda sapidità, lo differenziano dal primo. PS – riassaggiato il giorno seguente: non si è mosso di molto. Naso sempre ritroso, di non immediata sondabilità. Al gusto pare più largo e slanciato, specialmente per impatto, e si conferma per freschezza e persistenza.

Barbi (degustazione circa un mese dopo l’anteprima). Assaggi ripetuti durante quattro giorni. Dire Riserva e aspettarsi un orco, o un monolite, o un liquido di leggibilità pari a quella d’un cappuccio massonico è limitante. Qui c’è un’aria diversa. Si intensificano i profumi di frutto rosso acido (la sour cherry acidity dei commentatori anglofoni) e di fiori. Al palato è ampio e già accogliente. Una Riserva tra le più godibili e avvicinabili ma senza compromessi melensi. Di più: è tanto seria, quanto partecipe edivertente. Meglio ancora: piaccia o meno, è una cosa a sé. Azzardo: Mahleriana, lustig im Tempo und keck im Ausdruck.

Resta in contatto con le Storie del Vino
Le novità, le news, le curiosità dal mondo del vino
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *