Close

31 ottobre, 2013

Benvenuto Brunello 2013 – Brunello 2008 (Continua 5)

Sangiovese grosso
BRUNELLO DI MONTALCINO 2008
 
Mocali. Frutto rosso maturo, erbe aromatiche (alloro, anice), erba medica, trementina e note accentuate di corteccia e sottobosco in un insieme che globalmente ispira all’olfatto densità, calore – si sente già anche l’alcol – e maturità. Il riscontro al sorso è fedele: il vino è ampio e pronto ma pulsa. È energico e tracciante, progredisce senza discontinuità nonostante la robustezza ancora acerba del tannino – peraltro non allegante – e l’impressione generale di rondeur, arricchita dalle note dolci, oltre a quelle acidule, di frutto rosso maturo. Bella scia in chiusura di tè rosso, incenso, henné, pepe rosa e creta. Lo si direbbe ben munito per un proficuo, medio invecchiamento.
 
Molino di Sant’Antimo. Imponente e ricercato per natura, acutezza e persistenza delle note dominanti: balsamiche (edera, canfora), eteree (vinile, vernici) e salmastre. Frutta sullo sfondo. L’ingresso al palato è rassicurante, in evoluzione non stona ma tentenna, specialmente nella parti sapida e acida che paiono accessorie, non organiche, quasi inseguissero uno sviluppo che procede loro malgrado. Tannini incisivi ma non invadenti, buona persistenza sul frutto, infine ritrovato.
 
Piancornello. È il Rosso in extended version; e oltreché ampliata, è anche più sotterranea, terrosa e organica – in pulizia, senza gravami. Naso molto stratificato – sensazioni di vero spessore – ricco di riferimenti a estratti d’erbe, sottobosco, spezie dolci e conserve, prima ancora che alla macedonia di frutta matura e al tabacco dolce. Tutto questo, senza nulla sacrificare a finezza e definizione. Bocca sostanzialmente, naturalmente fresca, diritta, in realtà piena di calore e maturità ma ben dosati, proposti in una successione di grande equilibrio. Succulento ed energico, doti che mantiene nella lunga progressione, animata da tannini severi, giustamente gustosi nei richiami di spezie e cacao in polvere. Persistenza molto estesa e articolata in note salate, ferrose e di frutta (rossa e da guscio).
 
Pietroso. Fiori macerati, erbe aromatiche, colonia, frutta cotta e cuoio sotto l’evidente riduzione. In bocca lo slancio è breve, a sostenere la cospicua sostanza soccorre la vivida vena salina che gestisce la fase mediana dello sviluppo ma nel finale soffre l’incidenza del tannino. Coda su note di rosmarino, caffè, kirsch e un cenno di agrume amaro.
 
Poggio Antico. Frutto in evidenza. Belle e chiare note di ciliegia e lampone, più sotto vinile, ruggine, menta e lavanda. Stessa chiarezza e freschezza del frutto al sorso, inclusa la rossa acidità (di nuovo ciliegia e lampone) che ne slancia la progressione. Vino conciso, di sottile eleganza, non ampio ma preciso, credibile per la sincerità nel riflettere l’annata. Uno stacco amarognolo in chiusura, sottolineato da tannini dolci e teneri.
 
Poggio di Sotto. Impegnativo già al colore, con riflessi violacei e densa unghia rubino. Il frutto svetta insieme alle erbe officinali, ciliegia e artemisia insieme a note più amare di nocciolo, cardo, radici e mirra. La compressione non si risolve tanto in pesantezza, quanto in pienezza e il palato lo rivela: la freschezza del frutto è intatta e accompagna massa e calore nella progressione composta e continua, scabra e improvvisamente risoluta in chiusura per la sferza dei tannini e l’acidità in staccato. Promettente.
Resta in contatto con le Storie del Vino
Le novità, le news, le curiosità dal mondo del vino
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *