Close

26 aprile, 2014

Benvenuto Brunello 2014 – 2

Brunello Montalcino

Brunello Montalcino

ROSSO DI MONTALCINO 2012

Tenuta Le Potazzine. Invitante: fiori, sciroppo di fragola, succo d’arancia, un cenno di menta. La bocca graziosa, ma senza spazio per smancerie, è un tratto di casa: freschezza, presenza gustativa svolta in un ricco corredo di dettagli nitidi, non urlati ma esaltati dal tratto acido di arancia rossa e dal crescendo sapido.

Tiezzi. Profumo che ingolosisce: fragola, ibisco, tè, melagrana e pesca matura. Apertura fresca, vibrante e succosa, tannini insospettati per robustezza, buona progressione. Finale su note di frutta matura, macis, lichene.

BRUNELLO DI MONTALCINO 2009

Tenuta Le Potazzine. Definizione, leggiadria e misura. Alle note aeree e floreali si combinano quelle del frutto primario. Evoluzione ciclica che alterna sensazioni dolci e acide. Bocca briosa, misuratamente nervosa fin dall’apertura di grande slancio. Definizione del frutto (ciliegia, ribes rosso, sorba), energia in progressione, finale con sfumature nitide di sottobosco e corteccia, più sfumate quelle di spezie rosse. Superba qualità dei tannini. Vino di molta sostanza e tutta in movimento.

Uccelliera. Impressione olfattiva di densità e spessore su note prevalenti d’erbe aromatiche e susina. La sosta nel calice ne chiarisce unità e profondità. Dona al palato il piacere non scontato di un vino pieno ma austero, preciso in progressione, di grande presa e precisione. Il frutto (succo di ribes, ciliegia) è una trama sottile contesta all’ordito robusto, alla sapidità e alla freschezza dissetante, ai tannini migliori e più adatti a una tessitura così complessa. Tra i migliori.

Vasco Sassetti. Compatto al naso, poco mobile ma assolutamente pulito. Sorso poco impegnativo ma efficace per chiarezza, grip e progressione fluida. Forse vale come calzante esempio di quel che molti critici hanno definito la prontezza di quest’annata.

Agostina Pieri. Ricco e denso di frutta rossa, terra, henné, fiori di campo e felce, ben animato. Al palato è un campionario di frutta rossa matura, dotato tuttavia di slancio e supporto acido, continuo in progressione fino al bel finale nettante, con tannini maturi e accordati.

BRUNELLO DI MONTALCINO 2009 SELEZIONE

Tiezzi Vigna Soccorso. Coinvolgente per lo spessore e per la stratificazione di sensazioni olfattive: in successione rosa tea, sale dolce, frutta rossa (ciliegia), arancia amara, ferro, creosoto, spezie, alloro e terra. Un bouquet, non una mescola. Al palato è di grande e immediata impressione tattile, poi si distende e sullo sfondo di un’acidula freschezza agrumata richiama macedonia di frutta rossa, cannella, ferro dolce, liquirizia, carne secca, garofano e curcuma. Tannino di buon taglio, molto presente ma senza ingombrare. Persistenza notevole con echi di frutto e spezie.

Val di Suga Vigna Spuntali. Se è dato parlare di confusione, la si deve evidentemente all’esiguità del tempo trascorso a riposare nel vetro. Più definito il quadro olfattivo, che sotto un accenno vinilico si compone di credibili richiami fruttati (ciliegia, fragola), marini e balsamici; meno quello gustativo, in cui si affastellano voci da registrare. C’è un buon frutto, un tannino puntuto, un calore ben registrato, viva freschezza, ma l’accordo è ancora da trovare. Da riprovare, con fiducia.

Val di Suga Vigna del Lago. Più unito e composto. Ciliegia, susina, cappero ed erbe fini rendono all’olfazione una successione coerente. Bocca immatura, stretta fino alla chiusura; non giovano un tannino più ruvido del precedente e un calore più evidente. Tuttavia è confermata l’impressione di un equilibrio, quindi di un assaggio, da rifarsi.

Val di Suga Poggio al Granchio. Un passo ulteriore verso risoluzione e slancio. Migliore definizione nel bouquet di frutta rossa ed erbe, creta e alloro, spezie e arancia rossa. Anche la bocca, ancorché rigida, è più espressa e coerente, di più sensibile freschezza. Questo, nonostante tannini di foggia più dura, più verdi e asciuganti.

Villa I Cipressi Selezione Zebras. Opulento e carnoso al naso, pieno di riferimenti ben assiemati, dal ribes al lardo, dal ferro al timo, dalla noce moscata alla confettura di pesche. Al palato è animato da viva freschezza e di buon corpo, preciso nei richiami al frutto e alle spezie, diligente in progressione e chiusura grazie a tannini assai puliti.

BRUNELLO DI MONTALCINO 2008 RISERVA

Uccelliera. Al di là di poche epifanie – frutti neri, legni aromatici, camino e rovo – dà solo il senso di una vibrazione profonda e ancora insondabile. In tal senso depone assai bene per un nuovo incontro, da qui ad almeno un paio d’anni.

Resta in contatto con le Storie del Vino
Le novità, le news, le curiosità dal mondo del vino
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *