Close

3 novembre, 2014

Benvenuto Brunello 2014 – 6.1

Benvenuto Brunello 2014

Rosso di Montalcino 2012

La Gerla

Rosa, pesca di vigna e fragola a integrare un impatto tanto semplice, quanto goloso. Vino da tutelare perché esposto a obbrobri sintattici quali litrate, secchiate e gluglu. Da porre al riparo dagli abusi di connotazione in superlativo. Da annoverare tra le nobili e semplici categorie della quotidiana bontà, della convivialità di un pasto senza corredo di pics e post; pasto che si apra possibilmente con una zuppa invernale, arricchita da un fondo sufficientemente grasso, e prosegua con carni alla griglia. Il vino è molto fresco e sapido, infuso di note fruttate, saline e ferruginose, sfodera persino un bel tannino nettante in chiusura. Tonico, vivace, decisamente gastronomico.

Le Chiuse

1 (note dall’anteprima): Fiori di campo, frutti rossi succulenti, un mazzo d’erbe profumate: dal basilico all’origano, fino a cenni di verbena e menta. Sorso di grande slancio ancorché pieno, tannini di grande caratura, croccanti e completamente infusi. Grande Rosso. 2. (note redatte a settembre 2014 e pubblicate su Intravino): L’annata calda non ha ammanierato la freschezza svettante e ricorsiva, dal timbro del frutto rosso fresco. Ciliegia, fragola, succo d’uva e in più menta e iris. Freschezza immediata e traente anche al gusto. Tensione come risultante di presa e pressione. Sensazione tattile metronomica, che compendia precisione e decisione nello scandire effetti e durate. Cadenza con i ritorni netti del frutto (succo di ciliegia) e note più sfumate di ferro e creta; ancor più diffuse e soavi quelle di erbe officinali, fiori blu e succo d’arancia rossa. Oh you pretty things (gotta make way for the Rosso superior).

Le Macioche 2011 uscita ritardata

Fragranza e sensazione carnosa di polpa di frutto: ciliegia, melagrana e arancia sanguinella. Grande definizione. Al palato l’attacco è freschissimo e slanciato, i richiami ai succhi di frutta rossa sono tra i più nitidi e appaganti, la vena sapida apporta nerbo, profondità e durata al sorso. Calore tenue, sotteso e dosato; tannini minuti e pungenti, di grande pulizia. Il terzo grande rosso di fila.

Resta in contatto con le Storie del Vino
Le novità, le news, le curiosità dal mondo del vino
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *