Close

19 febbraio, 2015

Benvenuto Brunello 2014 – 8.4

Benvenuto Brunello 2014

BRUNELLO RISERVA 2008

Lisini

Poca o nulla la diffusione aromatica. Duro e chiuso, inattingibile, rinserrato nella corazza di tannini veramente strenui. Eppure molto buoni, come testimoniano le sensazioni finali “minimaliste” con la lunga, linda e sottilissima coda di rosa, noce (olio, mallo, non invasiva, né allegante), mora, liquirizia, sale nero e soprattutto un’impronta tattile intensa, quasi piccante, non allegante. Una Riserva comme il faut.

Poggio di Sotto

Finezze di frutto rosso e nero freschi, lavanda, fiori (rosa carnicina, garofano), legno di rosa, cardamomo. Rispetto ad altre Riserve la sua materia pare più esigua e più espansa: il vino pare quindi più rarefatto – più volume che spessore. Al gusto è corrispondentemente tra i meno “densi”: ben teso per qualità acida e resa del frutto – rosso, fresco, succulento e acidulo – delicato nel suo nonpareil – il watermelon trademark – infuso di sapidità e soavi dettagli aromatici (alloro, menta), solido solo al fondo nei ricordi di caffè, terriccio e torba.

Sesti Phenomena

Composizione già coerente di termini apparentemente inconciliabili: struttura ingente e slancio, massa e scatto, tensione e sostanza. Molta materia, ma di plasticità infusa e coordinazione nel movimento. Eleganza e potenza senza ostentazione. Poche effusioni: rinserrato già all’olfatto, con meri cenni a frutta scura, cardo, curcuma, pasta d’olive, creosoto. Il palato dice che la serratura è a chiave fenolica: inespugnabile, intransigente senza far male. Non vuole uscire, è troppo presto. Noi vorremmo entrare ma fa niente, ripassiamo dopo.

Tassi – Franci Riserva Franci

Mora (e la nuance terrosa, polverosa del rovo), arancia sanguinella, amarena, maggiorana. Poi un dark side di carne stufata, terra e camino. Bocca contratta ma fresca, non statica, solo moderata nello svolgimento aromatico. Tensione gustativa congrua per l’intensità e la stoffa: il liquido si muove appena, è in surplace, quasi si stia riservando per lo slancio vero. Cenni di frutto, tannino ruggente e positiva impressione generale di riservatezza (e giovanile incompiutezza, ché in fin dei conti nomina sunt consequentia rerum: Riserva, riservata, si riserva per lo slancio vero…).

Resta in contatto con le Storie del Vino
Le novità, le news, le curiosità dal mondo del vino
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *