Close

22 febbraio, 2016

Benvenuto Brunello 2015 – 21

Brunello Montalcino

BRUNELLO DI MONTALCINO 2010 SELEZIONE

Altesino Montosoli

Complesso e stratificato: ribes nero maturo, china, edera e terra si accostano a ricordi decisamente più aerei di lavanda, garofano, ciliegia e menta. Al gusto apre con lampone, ribes, salvia, cappuccino, nocciola e una traccia radente di legno. Sviluppo molto cadenzato ma regolare nella diffusione dei sapori, lungo e sostenuto da freschezza infusa. Nella fase centrale risalta la struttura, la sensazione materica si fa insistente, poi la chiusura è rilanciata dal ritorno del frutto e dall’acidità che finalmente si staglia. Ancora un poco confuso. Da riprovare in seguito.

Castello Romitorio Filo di Seta

Un vino-frutto in senso proprio e non maroniano. Prime impressioni di densità, morbidezza, calore e ampiezza. Dopo breve attesa si conferma assai ampio prima per varietà del frutto – confetture di amarene e lamponi, prugne cotte, karkadè, carruba, scorza d’arancia candita – e per la sensazione dolce e carnosa, quindi per l’intero spettro aromatico che compendia paprika, henné, sottobosco e tabacco. Ampia la resa del frutto anche al palato. Morbidezza e maturità non lo appesantiscono, la riserva di acidità sostiene bene lo sviluppo e il finale caldo e potente. Non propriamente un classico, ma divertente.

Citille di Sopra Vigna Poggio Ronconi

Pieno e intenso, soprattutto nelle note di carne, erbe (menta) e radici. Frutta in confettura e abbastanza defilata, freschezza cedevole al cospetto del tanto alcol e dei tannini scabri. Eppure, in persistenza si risolleva a sorpresa con fiori, chinotto e frutta dolce definiti e senza  più troppi calori e astringenze.

Resta in contatto con le Storie del Vino
Le novità, le news, le curiosità dal mondo del vino
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *