Close

28 luglio, 2015

Benvenuto Brunello 2015 – Degustazioni a Montalcino – 4

BRUNELLO DI MONTALCINO 2010

Le Macioche

Succo d’arancia rossa concentrato, edera, melagrana e gelées di ciliegia e lampone a risaltare su un fondo di bosco e terra che dona profondità. Spezie scure, cipresso, ghisa, in un secondo tempo una lieve nota animale. Sorso coinvolgente, di presa e ritmo grandi, potente e teso, lungo e chiosato da tannini cremosi, giustamente terrosi e ammiccanti a cacao e spezie dolci. La notazione sarà frequente fino alla noia, ma è tra le tante beltà acerbe di quest’annata feconda. Lungo finale pulito con i tanti temi aromatici riproposti in variazione.   

Le Ragnaie

Naso che allude a potenza e opulenza, rimanda a lampone, ciliegia ferrovia, cumino, radici, legno e olio di rosa, ardesia, sottobosco e alloro. La bocca è fine ed equilibrata, articolata ma agile nello sviluppo, misurata e ritenuta negli aromi e tuttavia pienamente espressiva per presenza, unità ed equilibrio. Freschezza e sapidità salienti attraversano l’intero passaggio al palato e ne prolungano l’impressione. Definizione dei ricordi di ciliegia, lampone, pepe rosa e caramella alla fragola con un tocco di carbone. Essenziale, composto ed elegante.

Lisini

Naso oscuro, profondo, concentrato, molto ricercato. Note di terra, cuoio, fernet, timo, lavanda, radici, inchiostro e incenso ad accompagnare quelle di frutto scuro (aronia, mirtillo) e liquirizia, più evidenti. Ingente sia per sostanza, sia per freschezza a sostegno, entrambe vibranti. Sorso molto appagante, con lungo finale di amarena, gelso, fuliggine e corteccia.

Loacker Corte Pavone

Scelta coraggiosa, coerente o interventista? La risposta al singolo assaggiatore appassionato, purché usi la cortesia di argomentare. Questo è un Brunello orientato, manicocentrico e moderno. Naso scuro e profondo, di visciola e confettura di more, torta di mele, cannella, rosmarino e canfora. Al sorso è di buon corpo e buono slancio, ritmico, disteso, efficiente più che coinvolgente. Partiture di basso molto pesanti e campionamenti di fiati e archi leggiadri, fragola, vaniglia e sciroppo di ciliegia. Molti tannini e buoni. 

Madonna Nera

In coerenza col nome, veste di scuro (sebbene non si pari in sacro): rubino molto intenso venato di porpora. Toni scuri anche al naso con mora, pepe, edera e sottobosco in evidenza su uno sfondo speziato e denso. Note di noce moscata, fernet e fiori amari. Al palato lo sviluppo è regolare, al liquido non manca tensione e le tracce del legno, ancorché di immediata percezione, non arrivano a frenare la progressione, né lo svolgersi dei sapori (mora, ciliegia, liquirizia, chinotto). Tannini grossi e un po’ asciuganti.  

Sanlorenzo Bramante

Originale, ampio e affascinante con mirtillo rosso, incenso, edera, olio di rosa, oliva, alloro, pellame e un salto in una vecchia torrefazione. Al palato, presenza che è volume, tensione e pressione. Prima frutti rossi e neri succulenti, radici e ardesia, quindi amarena e note di terra e spezie. La traccia minerale-terrosa percorre tutto il sorso e affianca il tracciante dei tannini austeri, non astringenti. Sapidità infusa e ricorrente, freschezza connaturale. Nello sviluppo evolve da densità a sottigliezze in un finale corale di ciliegia, bacche rosse e nere, borovnica, spezie, gesso e ardesia.

Resta in contatto con le Storie del Vino
Le novità, le news, le curiosità dal mondo del vino
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *