Close

30 giugno, 2015

Benvenuto Brunello 2015 – Degustazioni a Montalcino -1

ROSSO DI MONTALCINO 2013

Biondi Santi 2011 (degustazione presso l’azienda)

Profondo, chiaroscurale e molto complesso al naso per  la tipologia. All’olfatto si presenta già disteso: in primo piano visciola, fragolina, prugna e succo di mirtillo, quindi un tocco agrumato amaro, edera, oliva, erbe amare, cenni eterei e balsamici di cera, canfora e propoli. La bocca è ancora contratta e magra, agìta in tensione e sapidità ruggenti, dai riflessi amaricanti e persino metallici in chiusura; si rivela meglio in persistenza con cenni di ciliegia, lampone, cera, pastiglia alla cannella, legno di rosa e cardamomo.

Lambardi

Naso invitante, fresco e dolce di frutto rosso (ciliegia) e pesche di vigna, ornato di cenni speziati (cannella, paprika, maggiorana) e salmastri. Al palato fragolina di bosco, granatina e buccia d’uva, accogliente e gentile, preciso, netto nella progressione grazie all’acidità svettante e nitido in chiusura con tannini molto fini. Persistenza ragguardevole su frutta rossa, gemme di pino e anguria.

Le Chiuse

Come il precedente, dei Rosso di Montalcino è tra i migliori. Temperamento e tenerezza riuniti. Semplice e non scontato, fresco già al naso con lampone e ciliegia croccante, lavanda, verbena, cerfoglio. Bocca di sostanza e scioltezza, frutto rosso in grande definizione a contrassegnare tutta la dinamica gustativa, tannini di grana fine, morbidi ed eleganti. In persistenza frutta rossa, parfait di fragole e cenni alle erbe amare.

BRUNELLO DI MONTALCINO 2010

Biondi Santi (degustazione presso l’azienda)

Essenziale, elegante in esordio, introverso e non imponente. Finezza e unità espressiva. Naso profondo, riservato, note sussurrate e composite: ciliegia, menta, terra, foglia di tè, rosa canina, mela granata, arancia sanguinella, anguria e armelline in successione lenta e composta. Quindi buccia e seme di mela, tracce speziate multicolori, dal pepe rosa al macis al pane di spezie. Eleganza, luminosità e dirittura si ripropongono al palato: visciola, acquavite di prugna, chiodo di garofano e oliva su uno sfondo leggero e complesso di erbe amare e terra. La traccia minerale è ben infusa, sottilmente ferrosa; il tocco al palato configura una bella carnosità – carne e frutto – che accompagna l’assaggio dalla fase centrale fino alle sensazioni finali. Progressione regolare e sicura, continua. Tannini di trama fitta e presa ferma, perentori, non asciuganti. Grande presenza e lunga persistenza.

La Poderina

Quadro olfattivo fauve, di grande intensità e coloritura con spezie, prugna, resina, incenso e cedro candito. Sensazione di opulenza e concentrazione che si ripropone al gusto, bilanciata dall’acidità che traina lo sviluppo. Tannini di buona fattura, finale un poco allegante e all’insegna del frutto, con sensazioni di terra e metalliche a chiudere.

Lambardi

Rubino intenso e impenetrabile. Impatto sui generis, convincente per definizione e composizione delle note nobili di terra, conifere, cipresso, fiori amari, cortecce, acerola, ciliegia e propoli. Al palato eminentemente sapido, carnoso e profondo, lo sviluppo denota grande energia e freschezza espressa dalla succulenza del frutto fresco. Potenza ben gestita, presenza gustativa stentorea. Tannini imponenti e scuri a dettare la cadenza, sulla lunga scia di frutti neri, china, rovo e nuovamente propoli. Grande vino e di grandi prospettive.

Le Chiuse

Grazia e proporzione. Fine, composto, intenso nelle note di ciliegia, lampone, alloro, rosa canina, macis e ambra, così definiti da evocare le essenze. Fine anche la speziatura, pepe e origano fresco. Grande dirittura e tensione al palato: dote acida di grande qualità e vigore, il vino è flessuoso, slanciato ed elegante, la dinamica gustativa coinvolgente per freschezza e precisione dei richiami ai frutti rossi, per la sapidità infusa e per le sottigliezze minerali. Esemplare anche per la presa dei tannini, cesellati e morbidi ma avvolgenti e durevoli; durevoli come le sensazioni finali, sottili ed eleganti.

Resta in contatto con le Storie del Vino
Le novità, le news, le curiosità dal mondo del vino
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *