Close

8 settembre, 2016

Benvenuto Brunello 2016 – Degustazioni 10

Stella di Campalto

Serrato e fitto. Saracinesca inesorabilmente giù a dispetto dei nasi invadenti. L’idea di ariosità e uno sviluppo aromatico che letteralmente inebria sono rimandati al calice vuoto che regala minuti intensi di ribes, arancia sanguinella, spezie rosse, fiori, patchouli, timo, elicriso e terra. Ugualmente serrato al palato: un vino-riccio, irto di tannini piccoli, duri, affilati e puliti. Sotto l’apparato difensivo e in concentrazione si colgono però succulenza e freschezza, morbidezza di frutto maturo, corpo flessuoso ma senza materia in eccedenza. Poche parole e lungimiranti; e noi, come si impara da Ps. 106:12, crediamo alle sue parole e cantiamo la sua lode.

Tiezzi Vigna Soccorso

Una Riserva coerente con premesse e promesse dell’annata e quest’esito, come si è detto in apertura, non era scontato. Per numerose variazioni un po’ strambe, tra quelle in tono minore e quelle semplicemente potenziate ad arte rispetto ai vini di annata, questa è profonda e intensa: aerea, slanciata, perfettamente leggibile per finezza e in tutto il suo spessore. Rossa di rose e ribes, più scura per spezie e dote erbacea-vegetale. Tutta sostanza e succo – concentrato, fresco – al palato con il frutto integro, tannini croccanti, presa e trazione energiche, non veementi. Chiusura nitida e nettante con una coda lunga, delicata di ciliegia, lampone, spezie e fiori.

Valdicava Madonna del Piano

Concentrato. Prevalgono richiami amari e salmastri con alghe, fiori, henné, rabarbaro e un fine corredo speziato. Non rende la stratificazione aromatica come ingombro, anzi si effonde in leggerezza ed equilibrio, è slanciato e non sfacciato nell’intensità. Bocca serrata, arcigna nei tannini che solcano il sorso e avvolgono il frutto scuro, le radici e le spezie, dalla progressione lenta, imponente, ordinata. Si farà bellissimo.

Off Track #2

Pensieri canicolari: sprofondi a Cornelia come in un bagno turco ma riesci a Ottaviano e la macchina del vento ha soffiato via vapori e sudori.

La sede è storica, un locus amoenus gioviale e raro in un quartiere in cui domina la ratta, rattusa ristorazione da pausa pranzo. La nuova gestione si è insediata da parecchi mesi ma io sono distratto e ho tempi di reazione bradipeschi. Il Sogno Autarchico a Via Properzio gode, soprattutto in estate, di un vantaggio competitivo imbattibile: è, infatti, evidentemente favorito dal Ponentino, piacere antico e raro, surrogabile sì dall’artificio di pinguini et ceteri condizionatori, ma di qualità e amenità infinitamente superiori rispetto a quelli. Di qualità superiore sono state anche la farinata, la pizza con la cipolla camuffata con condimenti supplementari, la lasagna con il pesto di casa e l’abbinamento: due scelte di Gianni Ruggiero, due vini piccoli e agili, veramente belli. Il savoir faire, insomma, non si improvvisa e il favore di Eolo va a chi lo merita. Salute e buone vacanze anche a Gianni, se chiude, e agli altri al tavolo di quella sera.

Resta in contatto con le Storie del Vino
Le novità, le news, le curiosità dal mondo del vino
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *