Close

19 settembre, 2016

Benvenuto Brunello 2016 – Degustazioni 11

Secundum Opinionem

ovvero

Quelli che Non Ti Aspettavi

Le sorprese: quelli sopra le attese – che guaio, le attese – e che proprio per questo si ricordano magari meglio di altri, altrettanto buoni.

Argiano + Caparzo

A questo giro capitano e siano benvenuti due o tre grandi che non maramaldeggiano e non strafanno con squadra e compasso, vitamine e integratori, vinili e coppali. Oppure lo fanno così bene e apertamente, quella sera si recitava a soggetto, che poco resta da contestare. Voilà il primo, un accudente succulento maturo aranciato pieno di mora, maturo al palato ma non sfatto, soprattutto denso piccante e fitto, dal tannino massiccio e con un tot di legno sì da smaltire, non però da smaltimento; e poi quel finale framboise et fraîcheur che non ti aspettavi. E poi, pum! La Riserva, vinone da parata e onorificenze, quasi temibile nella sua mole, un generale dell’Armata Rossa. Infatti, secondo Walter Speller è for those who like their Brunello really big. На здоровья! Il secondo è, nel ramo cadetto, composto, elegante e leggero, sa di ciliegie ed erbe aromatiche, fresco e succoso, con tannini piccoli e fini e un finale per palati Fortis (Fragole Infinite). Gli fa da contraltare il fratellone dalle spalle forti che di nome fa Maraschino, e porta una grossa marasca a mo’ di pochette nel taschino. Si presenta con quella. Veste un giaccone di tweed impregnato di sigari ed eau de cologne, fiori passi e spezie rosse. Ha potenza, nerbo e croccantezza. Una dote cospicua di frutto scuro gestita con sapienza, senza sfoggio, tannini potenti e grossi. E tutto questo in equilibrio. Il terzo fratello è più vecchio d’un anno e serissimo. Lasciatelo in pace. 

Loacker Corte Pavone

Elegante, compìto, con frutta rossa sciroppata, rabarbaro e note balsamiche molto spiccate, sottobosco e ferro. Sorso pieno e di grande concentrazione, denso, con il ritorno del frutto carnoso e maturo, cenni di resina e ginepro. Tannini di grana grossa, belli per presa e maturazione, che accompagnano il finale lungo senza allegare. In fieri. Vino di precisione e disciplina.

Sancarlo

Goloso per freschezza e intensità di ciliegia, fragola, oliva, lampone, in più cenni di felce, carciofo, cannella e ferro. Variegato e dinamico. Bocca come una cornucopia di frutta, opima, tenuta in tensione da spina acida e tannini di grande presa, con un finale lungo e caldo che si apre su note dolci e piccanti di rabarbaro candito e pepe rosa. Bello e solare.

Sassodisole

Sassodisole è Torrenieri comme il faudrait, giunonico e non pletorico. Disteso, concentrato, pieno di frutta scura matura e con una speziatura generosa ma non over the top. Grande corpo, calore e tannini radenti a contraddistinguere il sorso senza alterare la progressione gustativa, continua e di buona tensione, che regala in chiusura un ritorno coinvolgente con la frutta matura e succulenta.

Tenuta Buon Tempo

Che a Castelnuovo dell’Abate si fosse nel posto giusto, as snug as a bug in a rug, e che il vicinato fosse buono e giusto lo si era capito da altri e più frequentati dirimpettai. Questo vicino entra ufficialmente nel novero di quelli da frequentare di più. Bacche rosse, cola, anguria, lavanda, arancia sanguinella e una ricca speziatura per un naso articolato, intenso e vivace. Ampio e disteso al sorso: la frutta è decisamente matura ma si conduce senza pesantezze grazie alla spiccata acidità. Pieno, dinamico, partecipe, di un piacere immediatamente fruibile.

Resta in contatto con le Storie del Vino
Le novità, le news, le curiosità dal mondo del vino
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *