Close

14 novembre, 2016

Benvenuto Brunello 2016 – Degustazioni 12

Quei bravi ragazzi del Brunello

Brunello secundum opinionem, ovvero, Quelli che non ti aspettavi

Castello Romitorio Filo di Seta

Scuro e solenne, ricco di richiami: bosco, fumo, incenso, muschio, pepe, erbe aromatiche e frutta scura a descrivere un quadro ampio ma unitario, senza eccessi. Bocca piena e concentrata ma non pesante, anzi fresca e di slancio, piccante e ruvida nella trama dei tannini, radente e pulita in lunghezza.

Cerbaia

Una Riserva come si deve, seria e arroccata, che allude più che sciorinare: erbe, finezze balsamiche, cenni fruttati, eminente sapidità al palato insieme a tannini imponenti, freschezza e cenni a ribes nero e radici in persistenza.  

Donatella Cinelli Colombini

Una quasi-trasfigurazione. Oppure ero io duro di comprendonio? Buono il Brunello scuro, intenso al naso con duroni croccanti, spezie rosse, salvia e china e dalla bocca dinamica e succulenta, piena e fitta di trama, con tannini ancora marcanti ma di nitida persistenza fruttata. Meglio ancora la Selezione Prime Donne che profuma di ciliegia, composta di prugna, sottobosco, incenso e menta, di grande stoffa e ingente presenza al palato, onusto ma di sottesa e viva tensione, fitto di tannini radenti e buoni. Contende alla Riserva, ampia, concentrata e vibrante, il ricordo del calabrone di Rimskij-Korsakov.

Fornacella

Dopo il calabrone le farfalle di certe fornaci che quest’anno figurano meglio di quelle più note. Questa prima porta in volo fiori blu, radici, erbe e amarene, è sottile, dinamica e precisa, di bella ed essenziale impressione tattile e diffusione aromatica, tesa per freschezza fruttata e tannini fendenti.

Fornacina

La seconda vola anche più aggraziata sebbene riveli già al naso, fitto e profondo nelle note di marasca, tabacco, torrefazione e radici, più dimensione e materia. La bocca è di notevole concentrazione, specialmente nel frutto, e la amministra con slancio e freschezza notevoli. Buona e persistente impressione tattile. Dei Biliorsi è buonissima anche la Riserva dal profilo olfattivo ampio e intenso di spezie, erbe aromatiche, frutta scura e cortecce, perentoria nella presa al palato, precisa in progressione, succulenta nel frutto. Di potenza e bella, piena presenza.

La Magia Ciliegio

Nomen omen. Il ciliegio-albero non è da solo perché si accompagna a sandalo, rovere e ginepro. Il legno si sente, non è prepotente, si fonde bene a note di sottobosco, cacao, incenso, menta e spezie. Sorso di densità, trama e asperità ragguardevoli, ma non stanca, né allega. Il frutto è scuro, polposo e acidulo. Vino potente, scontroso e promettente, peccato solo che, vista la produzione a dir poco esigua, sarà difficile incontrarlo di nuovo.

Castiglion del Bosco Riserva Millecento

Una Riserva che ridona dignità alla categoria del vino a concetto: è questo un vinone con tutti i crismi, barrique inclusa e nitida, ma fatto bene e sgrondato dei barocchismi ingombranti e dei terribili fenoli agglomeranti. Un vino arcadico, ritualizzato nell’aderenza a uno stile – potenza, sostanza, facilità di lettura – ma tutt’altro che scontato. Grande sostanza, di grande effetto al naso (erbe officinali, radici, rovo), molto serrato al palato con prevalenza di note boscose e balsamiche e una chiara traccia di liquirizia. Dopo i due della puntata precedente (QUI SE VUOI LINK AD ARGIANO-CAPARZO della precedente uscita), è il terzo dei grandi che non maramaldeggiano 

Vasco Sassetti Riserva

Ignoranza, più che sorpresa: la mia frequentazione della Riserva di V.S. è stata fin qui sporadica e l’invito della 2010 è a tornarvi più spesso. Fitto di richiami a bosco e fiori amari, nitido nel frutto, soprattutto ciliegia. Bocca seria e serrata, concentrata, poco espansiva ma energica e bilanciata, ben conclusa da tannini di grana grossa, croccanti e puliti. 

Ventolaio Riserva

Per eccesso di zelo si potrebbe contestare a una Riserva la verve e la generosità, specialmente a questa che tende al badiale, carnosa e terrosa, fruttata (ciliegia) e ferrosa com’è al naso, dichiaratamente sapida, briosa ed espansiva al palato, con finale fresco e dai ricordi speziati. Una Riserva, insomma, già in fase di distensione. Tutto troppo presto? Ma se poi è semplicemente buona, come la mettiamo?

Resta in contatto con le Storie del Vino
Le novità, le news, le curiosità dal mondo del vino
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *