Close

15 giugno, 2016

Benvenuto Brunello 2016 – Degustazioni 5

k-x-p

BENVENUTO BRUNELLO 2016 – Secundum Opinionem

Le Chiuse

Profondo, intenso e di grande eleganza, un bouquet ricco e corale ma misurato e ben accordato in ogni nota: profumi di viola ed erbe fini insieme ad amarena, lampone e un tocco di china. Naso di pienezza che non satura e invita a indagare. Al palato ha un tocco mirabile con tannini forti, di grana ancora grossa e che avvolgono il frutto – un frutto di definizione con pochi eguali. La progressione è guidata da una freschezza vibrante e da sapidità infusa, che introducono l’effusione calorica nel lunghissimo finale, la bilanciano e supportano nella diffusione degli aromi in retrolfazione: un ventaglio colorato di rosa, visciola, viola, spezie dolci, timo, rabarbaro. Chiusura nitida e quasi piccante. Grande vino, pienamente godibile ora ancorché proiettato a guadagnare in complessità.

Le Potazzine

Il momento-succo. L’ispirazione viene da Mehu Moments, che vuol dire – in Finnglish – più o meno questo ed è il titolo di un brano (raccomando ascolto), di K-X-P. Il 2011 delle Potazzine è un brano di finezza e succulenza in quintessenza. Primo ascolto in azienda: purezza del frutto con ciliegia e lampone in evidenza, maturi e polposi, insieme a cenni di rosa tea, mela granata, ferro, creta e ribes. Sorso di distesa eleganza, profondo, succoso, trainante in progressione. Tannini piccoli e salienti. Secondo assaggio in vineria a Piazza Garibaldi, bontà e ancora succulenza, qualità dei tannini ancora più marcata. Terzo assaggio all’anteprima e bottiglia più ombrosa, frutta rossa più matura, arancia amara, sempre tanto slancio, tannini infiltranti e finale marcato di amarena.  L’ultimo, di recente a Le Prata: il momento-melograno, sempre molta ciliegia, un tocco di lavanda ed erbe fini.

Piancornello

Ciliegia, arancia rossa, curcuma a svettare in un complesso pot-pourri di spezie rosse e ancora origano, timo, legno di rosa, ferro; una vena eterea attraente e sottile che vagheggia botteghe di colori e stoffe, vecchi mobili, erbari. Un sorso ampio, pieno di frutti rossi maturi e tannini grossi, perfettamente bilanciati con l’acidità che traina lo sviluppo, con arancia rossa e visciola a risaltare. Chiusura in lunghezza e con nitidissime rievocazioni degli aromi anticipati all’olfatto, rinvigorita da sapidità infusa e coronata da una bella chiosa d’agrumi.

Salicutti

Modo e maniera contro moda e manierismo. Il mio preferito durante l’anteprima. Compostezza, intensità e una straordinaria ampiezza di spettro sia all’olfatto, sia al gusto, sviluppata con ordine sovrano. Una traccia balsamica che precorre l’assaggio e lo percorre per intero. Rose, fiori blu e rossi, lampone, amarena, origano e spezie dolci, poi una gradazione discendente verso terra, cortecce, le note aspre e amare di bacche nere. Sorso di misura, presa avvolgente e leggera, freschezza saliente e incisiva. I sapori sono un insieme armonico, si svolgono in sincrono, senza successioni. Presenza misurata in apertura e via via più netta, tannini finissimi e di presenza accrescitiva, risaltano nel finale in una sensazione asciutta e quasi piccante.

Salvioni

Buonissimo, stratificato ed esuberante: sotto traccia le note balsamiche, speziate e quelle vegetali (felce, fico), più evidenti quelle di garofano, vetiver, lavanda e ciliegia. Uno spessore che non anticipa la sorpresa di un sorso ficcante e progressivo nonostante l’impatto potente, l’ingente estratto e la stoffa grossa, sottolineata dalla robustezza dei tannini. A confermare la bontà di tanta concentrazione, una lunghezza con pochi paragoni e la coda iridescente di spezie, lavanda, bosco, rose e frutta rossa matura, con un’impressione tattile che dura minuti.

San Polino Helichrysum

Rubino denso e scuro, naso ombroso e ritroso, molto concentrato. Inizio trattenuto, con olive nere, malto, inchiostro di seppia e grafite. Alla distanza si arricchisce di humus, mora, aronia ed erbe amare. Sorso parimenti serrato e denso, molto energico. La concentrazione non risulta in peso e la bocca vibra per acidità e tannini fendenti, con una bella coda amara di erbe, china e di nuovo mora. Un talento non ancora maturo, che promette grandi soddisfazioni da qui a qualche anno.

Sesti

Il frutto più nitido e maturo, soprattutto rosso, con susina, ciliegia, lampone e visciola oltre a pepe rosa, cannella, incenso, terra, pinoli e granatina. Si distende nel calice ampliando il già ricco bagaglio aromatico con erbe, conifere, alloro e ribes nero. Al palato è di un calore solare, lento e di grande definizione nel frutto che si ritrova puntuale, pieno e copioso, sostenuto nello sviluppo e in persistenza da acidità infusa e tannini molto fini. Ampiezza e potenza con grande eleganza. Finale con ciliegia matura e spezie rosse.

Tiezzi

Già diffusamente raccontato qui, più volte riassaggiato nei mesi a seguire, il Poggio Cerrino 2011 delle ultime bevute era in forma smagliante e più “elettrica” dei primi assaggi con naso ritroso e bocca tesa, ficcante e fresca, risolta prevalentemente su frutta scura e terra, denotata dalla presa energica e dalla dinamica disinvolta.

Resta in contatto con le Storie del Vino
Le novità, le news, le curiosità dal mondo del vino
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *