Close

3 settembre, 2016

Benvenuto Brunello 2016 – Degustazioni 9

Gianni Brunelli – Le Chiuse di Sotto

Poco da dire, almeno per ora, e molto di buono: al naso è l’epitome della giovanile stratificazione e concentrazione degli aromi – visciola, prugna, mora di gelso, tè nero, genziana, ginepro. Al palato era in una fase di benigna accessibilità: fresco e dolcezza nel frutto, elegante e sensuale nei tannini piccoli e diffusi, fine nella delicata speziatura, soprattutto partecipe e godibile in progressione. Chiusura con spezie e frutta nera dolce, legno evidente ma non distale.

Lisini

Concentrato, denso e terso. In primo piano cenere, humus, corteccia, erbe officinali e ferro; sullo sfondo alloro, frutta rossa e, curiosamente, cenni di frutta gialla e rabarbaro canditi. Sorso succoso e corposo, giustamente caldo, con la percezione netta di frutta rossa e nera mature e tannini robusti ma infusi ed eleganti. La bontà sbaraglia eventuali dubbi sulla prontezza e l’immediatezza del vino che, in quanto Riserva, si attenderebbe chiuso, duro e spigoloso.

Padelletti

Fermo, concentrato e teso. Radici, frutta nera, rovo, cacao, cenere e un cenno balsamico che ricorda l’essenza di trementina. Bocca calda con misura, freschezza sottesa, corpo ingente, tannini radenti, fitti e saporiti. Progressione imperiosa e precisa, grande slancio e lungo finale con sensazioni di mora, sottobosco, di nuovo cacao e pietra.

Poggio di Sotto

Spiega Federico Staderini che l’annata fu più facile della successiva per la gestione agronomica. Uve dalla buccia più consistente e resistente. Freschezza e gradualità di maturazione hanno aumentato la resistenza all’ossigeno. Da qui la scelta di una macerazione (e di un’esposizione all’aria) più lunga. I profumi contenuti connotano un’eleganza non ostentata, neroli, ribes, ciliegia, arancia e legno di rosa. In bocca è un volano, ha un approccio tutto classe e misura, quasi leggero. La progressione ne chiarisce energia, potenza e fittezza di trama. Dinamica gustativa già appassionante. I ripetuti assaggi all’anteprima restituiscono un’iride di stratificazioni ed eleganze in variazione, con la costante di tannini piccoli, infusi, croccanti a dettare il ritmo. Elegantissimo, aggraziato e droit.

Pietroso

Spero che il numero di bottiglie prodotte, che è proprio lo stesso cantato dagli Iron Maiden tanti anni fa, allarmi esoterici e cabalisti (chk) e conforti gli agnostici e ignoranti come me nella speranza di trovarne ancora qualcuna in giro. Fitto, denso, profondo e coinvolgente sia per la compostezza dell’insieme, sia per la bontà dei dettagli come rovo, visciola, spezie, erbe amare, cenni di incenso e scatola di sigari. Bocca seria, radente e dalla presa autorevole, il vino ha corpo ingente ma la dinamica è agile e la definizione aromatica esemplare. La dote di freschezza è ricca e risulta in naturale succulenza, i tannini toccano duro ma senza allegare o ingombrare lo sviluppo. Lunga persistenza su ricordi di frutta scura, terra e sottobosco. Riserva comme il faut.

Resta in contatto con le Storie del Vino
Le novità, le news, le curiosità dal mondo del vino
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *