Close

21 maggio, 2014

Benvenuto Brunello 2014 – 4

Montalcino

Montalcino

ROSSO 2012

Citille di Sopra. Vivace, dolce nelle note variegate di frutta rossa matura, innervato da freschezza che dà nerbo e tensione. Fresco anche al palato e parimenti slanciato, semplice e godibile nei riscontri di frutta rossa, un tocco di salvia e uno di pietra.

Col d’Orcia Banditella (2010 uscita ritardata). Rappresenta prima le qualità derivate dalla natura dei terreni e dall’affaccio a Sud – calore, struttura, maturità del frutto – e poi la costruzione: un Rosso ambizioso, potente, che denota immediatamente l’affinamento in legno (tannini e speziatura in evidenza ma non ridondanti) ma lo fonde con sufficiente agilità al frutto, alla freschezza liquescente e alla facilità d’approccio del secondo vino. Un vino a programma, ricercato e quasi calcolato: ma il calcolo è eseguito da un attuario di talento.

Collelceto. In evidenza il frutto: arancia sanguinella, fragolina di bosco e ciliegia, convincenti per integrità e rilevata acidità. Al sorso è passante, non impressiona per mordenza o polpa ma si restituisce nitido nei sapori e nella freschezza del frutto. Beati i semplici.  

BRUNELLO 2009

Caprili. Connotazione calda, solare. Note nitide di ciliegia e lampone maturi e sotto spirito, pino, cipresso, sottobosco e resina, alla distanza rosmarino, curcuma, corteccia e rovo. Spessore e stratificazione aromatica. Freschezza e grande tensione gustativa in attacco, lo slancio iniziale è poi contenuto, quasi avvolto dalla sensazione calorica, cui fa da contrappunto un tannino imponente, non ingombrante. Molta materia e giusto sostegno. Avvincente.

Casa Raia. Espressivo, disteso nelle note di piccoli frutti rossi, sciroppo di fragola, confettura di ciliegie, quindi sottobosco e fiori freschi di campo. Fase gustativa subito slanciata, fresca. Beva agile, acidità viva che conduce e regola la progressione. Tensione dosata, quota estrattiva cospicua ma ben infusa. Tannini essenziali, piccoli e dolci, a dettare la cadenza.

Casisano Colombaio. Lento e articolato: lacca, frutta sotto spirito, un filo di lavanda ed erbe amare. Espressione unitaria e compatta. Al palato è preciso in attacco, fresco, di buona tensione. Frutta rossa, fiori e note terrose a connotare la progressione gustativa. Stringe e si asciuga in chiusura su tannini abbastanza alleganti.

Citille di Sopra. Sensazione di profondità e compattezza: il naso è pieno e teso, poco espansivo, allude a rabarbaro ed erbe aromatiche. Bocca altrettanto riservata, ma il riserbo è promettente: texture serrata e freschezza di fondo, tensione raccolta, sensazione globale di grande pulizia. Tannini robusti e precisi a regolare la sensazione calorica. 

Col d’Orcia. Senza alcun sarcasmo, la prima nota scritta è stata: vino da passeggio. Una passeggiata di tarda primavera e in pieno sole, in un giardino ben curato. Tenue e grazioso al naso, immediato nelle note floreali e di frutta rossa. Sorso di tensione misurata, suadente senza esser cedevole, puntuale nei riscontri fruttati e gentile nella trama tannica. Dinamica distesa. Facile, che è al tempo stesso il pregio e il limite. 

Collelceto. Intenso, come affilato: spiccano la pungente nota acida e le fragranze del frutto rosso fresco (melagrana, ciliegia, susina), sullo sfondo granatina e menta. Buona definizione olfattiva. Si dona rinfrescante e molto sapido al palato, magro e lineare nella prima progressione per prendere di seguito il largo e il caldo, senza tuttavia ingombrare: al graffio, semplicemente, succede la carezza, che è arricchita da tannini minuti e morbidi. Dotato di personalità. Convincente.

Collemattoni. Rovo, mora e aronia. Il frutto scuro si staglia e lascia quello rosso a complemento insieme a buone note di sottobosco e tostatura. L’impatto al palato è deciso per presa e presenza: sapido, definito nei sapori di frutta e nelle immagini di pietra calda, corteccia, erbe fini. Tannini insistenti ma puliti, che non frenano, anzi scandiscono la fase gustativa. Pulizia e precisione.

Corte dei Venti. Discreto e ritenuto. Impressione globale di equilibrio e austerità, in più un’inclinazione al fiore blu, al bosco e al frutto maturo. Palato di misura e concisione, calibrato su freschezza infusa e tannini forti, non invadenti. La compressione aromatica non si risolve in peso. Resa gustativa, quindi, da rivalutare con i migliori auspici. 

 

BRUNELLO 2009 SELEZIONE

BRUNELLO 2008 RISERVA

Caprili. Profondo, compresso. Spezie rosse e scure, cipresso, arancia amara e sorba. Bocca pervasa da tannini veementi fin dall’attacco, tanto da parere contratta nella dinamica e nelle percezioni aromatiche. Bacche scure dolci e amare, aronia e ginepro. Traccia sapida viva. Grande sostanza ancora poco svolta. Da riprovare.

Col d’Orcia Poggio al Vento (2006). Austero, ben evoluto, molto articolato: lo si capisce già al primo approccio, di misura, e la conferma viene nei successivi passaggi tra svariature d’arancia (succo e scorza), melagrana, humus, tabacco dolce e genepy, tutto sullo sfondo del frutto scuro (marasca e mora). Note empireumatiche (camino, cenere). Quadro di unità e definizione. Medesima misura al palato, dove la progressione è senza sbavature: molto regolare dopo l’ingresso in freschezza, svolta in riconoscimenti precisi di frutto e sottobosco, per lo più in corrispondenza con l’olfatto (arancia, ciliegia matura). Tannino elegante, cenni di terra e balsamici a segnare la persistenza.

Resta in contatto con le Storie del Vino
Le novità, le news, le curiosità dal mondo del vino
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *