Cabernet Frac

L’idea alla fine potrebbe non essere male.
Alcune delle aziende agricole che oggi portano le proprie uve alle cantine sociali, domani potrebbero portarle a Versace, a Fendi, a Valentino.
Diminuirebbero i vini scadenti ed avremmo donne e uomini, che odorano di Merlot, di Syrah, di Chardonnay.
Parliamo di temperatura di servizio.
Questi abiti andranno mantenuti non nel solito armadio, ma in appositi guardaroba refrigerati, sotto i vestiti da uve rosse, sopra quelli da uve bianche. In estate così potremo indossare giacche, gonne e pantaloni a 8, 10°, con gradazioni dal bianco carta al giallo paglierino, in inverno utilizzeremo rossi porpora o, per i vestiti lasciati a lungo negli armadi di legno grande, rosso mattone.
Andremo a controllare non più l’imbastitura o la fodera quando acquistiamo un capo di abbigliamento, ma ne valuteremo l’unghia  mettendolo controluce, lo annuseremo per cercare i profumi erbacei o quelli di sottobosco, lo prenderemo tra le labbra per controllare se i tannini siano ruspanti oppure morbidi, se l’acidità sia tagliente o solamente fresca.
Usciremo dal negozio perfettamente contenti, e se qualcuno ci dovesse dire: ma ti sei pisciato sotto? potremo sempre rispondere che no, è Sauvignon Blanc. Ottimo quindi per portare finalmente anche il nonno insieme a noi a fare una passeggiata. Per i benzinai già previsti mammalucchi di Riesling.
Per le taglie forti, ci saranno appositi abiti nel bottiglione oppure, per le XXL, direttamente in immersione in tonneau per almeno 18 mesi.
Naturalmente i vestiti vintage acquisteranno un gran valore.
Una gonna di Syrah del 2004, un pantalone di Bellone del 2001, o una camicia di Muller-Thurgau del 2007 saranno usati nelle grandi occasioni, per farci ammirare, ed annusare, da tutti i presenti.
Il problema degli accostamenti è ancora tutto da studiare, naturalmente.
Cosa abbinereste con un reggiseno di Bonarda del 2009 o uno slip di Pelaverga del 2010?

Scarica gratis le note da Benvenuto Brunello 2012
We respect your privacy.

One Comment Add yours

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.