I classici dello Champagne a Enoteca Divinis – Parte 1

Champagne Brut Premier Cru Classic, Aubry ~ Jouy-les-Reims (F)

Champagne 1er cru A.O.C. ~ Pinot Meunier 60%, Pinot noir 20%, Chardonnay 20%

Pierre e Philippe Aubry, discendenti da una stirpe di proprietari viticoltori, dal 1970 hanno intrapreso la loro opera di recupero di alcuni antichi vigneti abbandonati. Grazie anche al lascito dell’esperienza paterna i due fratelli hanno portato avanti il loro obiettivo di unire il classico all’originale. La filosofia dell’azienda si può riassumere in pochi principi: rigore, rispetto delle tradizioni, originalità e creatività. Il campo di applicazione di quest’idea di vino di Champagne è un podere di sedici ettari composto da più di sessanta parcelle con esposizioni e uve differenti

Il vino che assaggiamo è facile, intensamente fruttato, morbido e gradevole: uno Champagne di ottima piacevolezza e di altrettanto notevole fattura. Forse manca la grinta e l’allungo dei grandi, ma nella batteria ha fatto la sua parte. Accompagna egregiamente un Culatello di Zibello.

Champagne Grand Cru Bouzy Brut, Jean Plener ~ Bouzy (F)

Champagne Grand Cru A.O.C. ~ Pinot noir 66%, Chardonnay 34%

Dal 1878 quattro Jean Plener, tutti portanti lo stesso nome, si sono succeduti alla guida dell’azienda familiare che oggi conta un patrimonio di circa sei ettari di vigne nei comuni Bouzy e Ambonnay, classificati grand cru, e nel comune di Tauxieres, classificato premier cru. Le vigne sono suddivise in ventitre parcelle differenti, piantate in prevalenza a Pinot Noir ma con una buona presenza di Chardonnay. L’agricoltura s’inspira alla lotta integrata e tutti i procedimenti seguono i metodi tradizionali fino al remuage manuale sulle pupitres. La permanenza sui lieviti ha una durata di circa tre anni in una cantina interrata che può contenere al massimo 100.000 bottiglie. Il Grand Cru di Plener risulta decisamente strutturato. Pur mantenendo un profilo longilineo e delicato, è caratterizzato da una profondità notevole, sorretta da una spina dorsale acida di grande spessore. Intenso, piacevole e molto personale. Lo abbiamo accompagnato con un risotto allo Champagne con caviale.

Champagne Brut Special Cuvée, Bollinger ~ Aÿ (F)

Champagne A.O.C. ~ Pinot Noir 60%, Chardonnay 25%, Pinot Meunier 15%

La maison Bollinger è nata nel 1829 e nei secoli è rimasta patrimonio unico e prestigioso della famiglia, che ancora ne guida le sorti. L’azienda possiede quasi centocinquanta ettari vitati in diversi comuni, e produce i propri Champagne quasi esclusivamente con uve di proprietà. L’uva prevalente è il Pinot Noir, circa il 60%, e l’assemblaggio è la regola per ottenere vini di notevole complessità e gusto elegante. Lo stile è intenso, con una buona presenza di legno, ma i vini possiedono una struttura più che adatta a sopportarlo. L’azienda conserva due piccole vigne nel comune di Aÿ (il Clos Saint-Jacques e il Clos des Chaudes Terres) in cui le piante di Pinot Noir sono franche di piede: da queste vigne elabora una quantità limitata di una Cuvée denominata Vieilles Vignes di altissimo livello e di prezzo adeguato. La forza della maison è anche la capacità di conservare in cantina volumi importanti di bottiglie millesimate per commercializzarle quando il tempo avrà reso loro tutta l’eleganza che portano con sé.

La struttura della Special Cuvée di Bollinger è leggendaria: intensa, cremosa, elegantissima. Si sente l’intenzione di costruire un prodotto di alta classe, ma questo non disturba. Un vero gioiello per chi ama le Cuvée di “marca” di alto profilo! Si sposa bene con i nostri tagliolini ai porcini e tartufo nero.

Scarica gratis le note da Benvenuto Brunello 2012
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.