Santoleri Crognaleto 2010 DOC Trebbiano d’Abruzzo

Approfittando di una gita in Abruzzo, mi sono fermato a pranzo da Sapori di Campagna, isolato casolare in provincia di l’Aquila, a pochi passi da Navelli e da Santo Stefano di Sessanio.

La strada è confortevole e la giornata molto gradevole, il silenzio tutto attorno è spezzato solo da qualche occasionale cane che, mentre passeggiamo fino ad una fontana, ci segue abbaiando più per salutare che per spaventare.

Man mano che arriviamo si notano i segni del terremoto, ma soprattutto i lavori di ricostruzione e la voglia delle persone di ricominciare e di ricostruire. L’Aquila, che vediamo mentre usciamo dall’autostrada, è piena di gru che spiccano alte sopra il centro della città.

L’agriturismo dove ci fermiamo, nonostante sia proprio sulla strada, rischia di passare inosservato perché solo una piccola insegna indica che lì c’è un ristorante e delle camere; a quanto sembra però la mancanza di segnaletica pubblicitaria non fa grande differenza, visto che dopo poco che ci sediamo a tavola la sala si riempie.

Dovendo accompagnare un pranzo che ci impegnerà con ottimi antipasti e squisiti primi (ci siamo tenuti leggeri volutamente), ho optato per un vino locale, il Crognaleto 2010 di Santoleri, DOC Trebbiano d’Abruzzo.

Limpido nel bicchiere, giallo scarico e riflessi verdolini, accompagna ogni sorso con profumi di erba tagliata di fresco e mela verde, fiori d’acacia e di camomilla; i profumi vegetali e floreali lasciano però spazio anche ad un percettibile aroma minerale molto gradevole.

Nell’analisi gustativa associa la morbidezza rotonda con una buona acidità, entrambe lasciano in bocca un sapore quasi aromatico; finale di nocciola e mandorla.

Scarica gratis le note da Benvenuto Brunello 2012
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.