Close

4 luglio, 2012

Gaspare Buscemi, Esperienze del 2010 bianco IGT Venezia Giulia

I vini di Gaspare Buscemi sono sempre particolari, e questo Esperienze del 2010 Bianco non fa eccezione.

Già l’etichetta si presenta singolare, con una lunga spiegazione della filosofia buscemiana nel fare il vino, nessun disegno né foto, con il nome del vino scritto in verticale.

Buscemi non ha vigne proprie, è un enologo che lavora insieme al contadino, segue l’evoluzione delle uve scelte, ne compra le uve e produce il vino con il proprio nome, quello che in Francia si definirebbe un negociant.

I vini delle Esperienze, sia bianco che rosso, non contengono anidride solforosa aggiunta, ma solamente quella naturalmente prodotta dal vino stesso, come riportato nell’etichetta. Spero che non la leggano gli ispettori dell’ICQ. E’ dal 1986 che Buscemi produce il suo Esperienze in quantità non elevate, nonostante questo ancora si trovano in vendita vecchie bottiglie.

L’IGT Bianco Venezia Giulia Esperienze del 2010 è un assemblaggio di verduzzo friulano, chardonnay e pinot grigio; nel bicchiere si presenta giallo paglierino con una evidente sfumatura verdolina. Va anche detto che non è raro trovare due bottiglie con la stessa etichetta ma che si differenziano all’assaggio.

L’olfattiva ricorda piuttosto stranamente aromi ferrosi, che probabilmente non sono altro che un residuo di ossidazione; basta un po’ di ossigenazione per sentire al naso un evidente gheriglio di noce e albicocca candita.

All’assaggio risulta estremamente bevibile, sensazioni che non stancano il palato ma lo rinfrescano notevolmente, con una punta di sapidità che a me risulta un po’ strana per gli uvaggi presenti.

Verso la fine il ritorno è spiccatamente iodato e l’ossidazione è nuovamente presente in modo per niente fastidioso.

Un vino che ha una grande dose di energia da consegnare ai prossimi anni, e con queste caratteristiche si dovrà sicuramente berlo ancora per molto tempo prima di scoprire il limite della sua longevità.

Si, voglio ricevere le note di degustazione
di Benvenuto Brunello 2012
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *