Le Héritiers du Comte Lafon, Clos de la Crochette AOC Macon-Villages 2008

comtelafon2008La Borgogna non è solo grandi vini rossi, ma anche grandi vini bianchi. Tra le zone borgognone il Maconnais, che dà origine al Macon-Chardonnay, ha dalla sua la notorietà del Pouilly-Fuissé e di Viré-Clessé. 

La zona di cui parliamo è nella parte sud della Borgogna, delimitata dalla vallata della Grosne a ovest e quella della Saona ad est e vigneti che si stendono da est a sud-est. Il terreno è piuttosto povero di calcare, il che rende i vini del Maconnais alquanto differenti rispetto a quelli, ad esempio, della Cote de Beaune. Troviamo invece più spesso terreni molto alcalini, ricchi di argilla ferrosa che conferisce una mineralità vivace e fresca, accentuando i profumi tipici dello chardonnay. 

Tra le sottozone di questa regione va di sicuro menzionata la AOC Macon Villages, valida solo per i bianchi, da dove vengono prodotti alcuni dei migliori Chardonnay. Ricca di piccoli produttori noti e meno noti, alcuni riescono ad avere abbastanza vino da poter imbottigliare, mentre molti altri lo conferiscono ai negociants, ai consorzi. 

La AOC è piuttosto datata, risale infatti al 1937 e man mano ha acquistato prestigio tanto da convincere i viticoltori della zona a richiedere l’ingresso nei Premiere Cru. Probabilmente moltobourgognemapres si deve anche alla presenza della vicina e famosa Abbazia di Cluny, centro di potere durante il Medioevo e di conservazione della cultura contadina. Qui la vite veniva coltivata fin dall’epoca dell’Impero Romano, ed i monaci benedettini si adoperarono per creare una rete di difesa insieme alle altre abbazie della regione, così da essere relativamente al sicuro dalle invasioni dei barbari del nord e dell’est. 

Uno dei più noti abati di Cluny fu Ildebrando di Soana, poi diventato papa Gregorio VII; tra gli altri divennero papi anche Ottone di Lagery, Urbano II, Rainerio Raineri, Pasquale II ed infine Guillaume de Grimoard nel 1362 con il nome di Urbano V. 

Oggi dell’abbazia originale rimangono pochi ruderi.

Tornando al vino, le note di degustazione del Le Héritiers du Comte Lafon, Clos de la Crochette 2008, AOC Macon Village.

La proprietà è di circa 2.5 ha e fu costituita dai monaci cluniacensi; i vigneti si affacciano sul lato sud della collina.

Il vino si presenta di un bel giallo brillante al bicchiere; gli aromi arrivano immediati al naso, mela, mapo, frutti tropicali, una lieve speziatura forse dovuta più al legno che al territorio, poco altro. Non molto ampio al naso, quindi,  ma netto nei profumi.

Al palato risulta diverso da come ci si aspetterebbe da territorio, vitigno ed olfattiva, con un carattere un po’ troppo grasso per uno chardonnay e meno fresco di quanto si potrebbe pensare; ha in ogni caso la sua discreta mineralità che ne riscatta la parte più dura e lo rende, se non equilibrato, almeno non completamente spostato verso le note pastose e grasse. La struttura è quella di uno chardonnay di buona levatura, naturalmente, e sebbene il finale sia un po’ corto, è in ogni caso piacevolmente citrino. 

Non lo definirei un vino particolarmente da ricordare, non ha difetti o mancanze ma manca di nerbo e di personalità; dalla zona mi  aspetto di più, ed anche dal produttore.

Abbinamenti: necessita di piatti poco strutturati, come pesce alla griglia o una frittura di pesce, probabilmente non starebbe male anche con una carbonara. 

Prezzo: tra i 18 ed i 21 €.

 

Wine Roland

Wine Roland

Sommelier tardivo, web-surfer d'antan, a metà fra l'analogico ed il digitale. Appassionato di tecnologia, osservo la Rete attraverso un buon bicchiere di vino.
Wine Roland

Latest posts by Wine Roland (see all)

Wine Roland

Sommelier tardivo, web-surfer d'antan, a metà fra l'analogico ed il digitale. Appassionato di tecnologia, osservo la Rete attraverso un buon bicchiere di vino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Acquista Note di Degustazione

Per te che sei un appassionato di degustazioni, Storie del Vino ti offre la possibilità di acquistare a prezzo scontato fino al 1 Dicembre 2016 le note di degustazione prese a Benvenuto Brunello 2012, 2013 e 2014 da Emanuele Giannone.

Oltre 110 vini raccontati e spiegati in ogni edizione, tra Rosso, Brunello, Riserva e Selezione.

Vai alla pagina e acquista in tutta sicurezza