I tre rossi di Chateau Musar

In questo momento sto transitando dalla stazione di Bologna, completamente imbiancata, nel mio zaino due bottiglie di rosso di Provenza di cui vi parleró appena stappate, nel mio diario gli appunti della degustazione di Chateau Musar.

Con più tranquillità vi racconteró anche di questa, per ora sappiate solo che erano presenti tre rossi, 2000, 1987, 1977 e tre bianchi, 2000, 1987 e, capite bene, 1967, Millenovecentosessantasette!

E poi ho incontrato vecchi amici come Valter Mlecnik e ne ho trovati di nuovi.

E naturalmente un gran ringraziamento ad Alessandra che mi ha ospitato per la notte.