Close

5 dicembre, 2017

Simon di Brazzan – Sauvignon 2016

Che i metodi biodinamici, quando ben applicati al vino, funzionino, non è un mistero per gli appassionati. Quale sia il motivo per cui funzionano io non vi so dire, e nemmeno voglio iniziare inutili discussioni su pro o contro.

Dico solamente che quando si trova un vignaiolo che lavora bene, il risultato si vede; probabilmente i viticoltori biodinamici (sono loro ad esserlo o i loro prodotti? Non so nemmeno questo) hanno un atteggiamento verso la terra ed i suoi frutti che forse altri non hanno.

Già utilizzare sistemi di concimazione naturali significa avere gran rispetto per la propria vigna, stallatico e compost di foglie sono i componenti del nutrimento delle viti.

In ogni caso il buon lavoro e lo studio delle proprie uve è fondamentale.

Il Sauvignon di Simon di Brazzan

L’azienda Simon di Brazzan è situata tra Collio ed Isonzo, terra antica per il vino e moderna nella sua sperimentazione. I suoi vini di punta sono sicuramente il Pinot Grigio ed il Blanc, ma senza assolutamente disdegnare i vini base.

Il Sauvignon, ad esempio, è lontano dagli orange wine spinti che troviamo verso il confine con l’est europeo; la macerazione sulle bucce, circa tre settimane, avviene solo per un terzo delle uve, fatte poi fermentare in botte grande. L’altra parte viene lavorata classicamente e poi tagliata con le altre verso marzo per continuare a riposare sulle fecce di fermentazione.

Dal colore giallo paglierino non molto carico, fa ricordare immediatamente peperone giallo e foglia di pomodoro, rispettando quindi la tipicità aromatica di queste uve. Basta attendere un poco, però, per poter sentire profumi più interessanti, come fieno a seccare e sedano freschissimo. Profumi in ogni caso leggeri e non invasivi, che si attenuano pian piano dopo aver versato il vino nel calice.

Al palato si sente il calore dei suoi 14° alcolici ben amalgamato con una gradevole e leggera acidità, il tutto ricoperto dell’aromaticità sentita poco prima; si aggiungono cenni di noce e un lieve agrumato.

In complesso un vino molto gradevole da bere, con un buon corpo che regge anche un fritto leggero; il salmone fresco un buon abbinamento, ma ancora meglio un risotto con asparagi.

Si, voglio ricevere le note di degustazione
di Benvenuto Brunello 2012
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *