Vinitaly 2.0. Più o meno

VinitalyAnche quest’anno si è svolto, dal 27 al 30 marzo, il Concorso Enologico Internazionale di Vinitaly, arrivato alla XXI edizione e che si avvarrà della collaborazione con Wine Spectator. Un gran numero di esperti, tra enologi e giornalisti di settore suddivisi in 21 commissioni si cimenteranno nel difficile compito di valutare i circa 3mila campioni presentati.

Sulla utilità di questi concorsi ne potremmo parlare all’infinito, ma è marketing e quindi presentare un vino con qualche coccarda da sfoggiare probabilmente aiuterà le vendite. O forse no.
La novità quest’anno è l’uso di tablet anziché di schede cartacee per la determinazione dei punteggi e nel comunicato stampa la novità viene sottolineata come indice di innovazione tecnologica.
Volendo essere un po’ cattivelli, si potrebbe dire anche che i tablet ormai fanno parte della vita quotidiana, e che forse Veronafiere poteva anche svegliarsi prima.
Si immagini però cosa comporti l’acquisto o l’affitto dei tablet, lo sviluppo del software, i sistemi di controllo per evitare imbrogli, l’hosting dei server dove questi dati andranno a finire.
Inoltre sarà necessario avere dei tecnici a disposizione per risolvere eventuali bug di sistema e malfunzionamenti in genere. Non è uno sforzo da poco, direi.
Certo, alcune cose sono da limare.
Ad esempio, come riporta Wine Report Russia, non sembra sia previsto un sistema di disaster recovery, o almeno di backup, nel caso in cui i server andassero off-line. La risposta di Giuseppe Martelli, presidente di Assoenologi,  è stata “No Way”, impossibile.
Bene, siamo contenti. Forse, si chiede Anton Moiseenko, in Italia non accade così spesso come in Russia che vada via la corrente.
Un’altra critica è che i giudici non hanno avuto alcuna seduta di istruzione preliminare o spiegazione su come verranno usati i loro giudizi, cosa che invece accade nella maggior parte dei concorsi internazionali. E, visto che i dati sono disponibili in tempo reale, si potrebbe dare l’indicazione ad ogni giudice se i propri voti siano o meno all’interno di una classe media di votazioni; questo aiuterebbe ad evitare giudizi mediamente troppo severi o troppo larghi di manica.
La mia impressione, così come accade per analoghe iniziative in molti altri campi, dalla Pubblica Amministrazione alla scuola, è che si tenda ad identificare la tecnologia con l’uso di un tablet anziché un foglio di carta.
Certo è un primo passo, molti alberi ringrazieranno di sicuro ed anche lo stoccaggio o lo smaltimento delle migliaia di schede cartacee non sarà più un problema.
Però prima o poi bisognerà iniziare a capire che la tecnologia non è lo strumento e che non basta dire “c’è una App” per proiettarsi subito nel mondo 2.0 delle startup.
E quando qualcosa andrà male, il problema non sarà mai nella tecnologia, ma esclusivamente nel processo.

Wine Roland

Wine Roland

Sommelier tardivo, web-surfer d'antan, a metà fra l'analogico ed il digitale. Appassionato di tecnologia, osservo la Rete attraverso un buon bicchiere di vino.
Wine Roland

Latest posts by Wine Roland (see all)

Wine Roland

Sommelier tardivo, web-surfer d'antan, a metà fra l'analogico ed il digitale. Appassionato di tecnologia, osservo la Rete attraverso un buon bicchiere di vino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Acquista Note di Degustazione

Per te che sei un appassionato di degustazioni, Storie del Vino ti offre la possibilità di acquistare a prezzo scontato fino al 1 Dicembre 2016 le note di degustazione prese a Benvenuto Brunello 2012, 2013 e 2014 da Emanuele Giannone.

Oltre 110 vini raccontati e spiegati in ogni edizione, tra Rosso, Brunello, Riserva e Selezione.

Vai alla pagina e acquista in tutta sicurezza