Close

24 ottobre, 2013

Benvenuto Brunello 2013 – Rosso 2011 (Continua 5)

BrunelloNonostante stia navigando tra le acque oceaniche, Emanuele continua a parlarci di vino.
Mocali. Svettante e variegato all’olfatto: fiori di campo, ciliegia, fragolina, sottobosco e legno di rosa. Al sorso è appagante per energia e definizione ma un poco stretto, contratto in evoluzione, specialmente a causa di un tannino non registrato. Questa pecca nelle sensazioni complessive è parzialmente risolta a distanza di sei mesi (secondo assaggio agosto 2013), quando la trama tannica prende a svolgersi in maggior dolcezza e mitiga le percezioni asciuganti e terrose.
Piancornello. Mi si passi la caduta di tono ma è stato l’ultimo assaggio della prima giornata e il primo della seconda. Nella prima occasione ho scritto un appunto surreale – rectius: ebbro – che riporto integralmente, a scapito di quello più lucido dell’indomani: sudista e non sudato, caldo ma non cotto, spirituale, non spiritato. Sale prima che sole, terra, energia, arancia rossa matura. Buono. L’indomani era solamente un Rosso tra i migliori, con la dote acida più nitida e gustosa – arancia rossa, susina e ciliegia – sapido e ficcante, continuo e diritto nella dinamica gustativa, caldo e fine, dissetante, tenuemente ferroso in fondo, tempestato di tannini piccoli e acuti.
Poggio Antico. Distinto e diligente nella rappresentazione del frutto e dei fiori rossi. Bocca congruente: non manca nulla, salvo forse la presa, non svetta nulla. Un vin de repas centrato, versatile, pulito e di buone maniere.
Poggio di Sotto. Il Rosso trascendentale, ché dire didascalico sarebbe una diminuzione. La quintessenza del frutto – fresco, acidulo – e del minerale – ferro dolce, sale – quali li si chiederebbe a un Rosso a priori. In più, note eteree e speziate in filigrana (cera, calvados, incenso) e una compressione olfattiva da categoria superiore, dischiusa in lente e ampie volute: melagrana, alloro, cumino, cardamomo, salvia, ghisa, acqua di mare. Sorso di grande soddisfazione, unitario e dinamico, e di grande presa: segna la bocca sferzando e rinfrescando, quindi regalando i cenni più dolci e fondenti del frutto. Dolce e fondente anche nei tannini, che ritmano la lunga persistenza.
Si, voglio ricevere le note di degustazione
di Benvenuto Brunello 2012
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *