Close

20 luglio, 2015

Benvenuto Brunello 2015 – Degustazioni a Montalcino – 3

Fortezza di Montalcino

Annata assai facile da interpretare, questa 2010: a guardarli attraverso il vetro della nursery tutti i neonati ci appaiono indistintamente belli, poco importa se urlanti o imperturbabili, gesticolanti o assorti in sazietà, albini o itterici. Tra poco, dopo poppata e cambio, ognuno sembrerà già diverso; e ugualmente bello, anche se non lo riconosceremo più. Continueremo a passare i nuovi venuti, loro malgrado, al vaglio delle somiglianze certissime con trisavoli e cugini. I nostri, beninteso, saranno sempre e comunque i più belli. E loro, i prossimi venturi, si faranno beffa di noi per anni, per i nostri marchiani e divertenti errori di previsione e divinazione. I quali, va da sé, non dipenderanno tanto da loro difetti o deviazioni di crescita, quanto piuttosto dai nostri inguaribili vizi di affezione, familismo, presunzione, protagonismo…  

ROSSO DI MONTALCINO 2013

Le Macioche

Pieno, denso, sostanzioso ed energico al naso. Ma i timori di un vino sovrastrutturato si rivelano sovrastrutturali: c’è molta materia, sì, ma ci sono anche slancio e presenza; e la prima impressione di densità rimanda immediatamente alla polpa del frutto rosso, mentre le note di spezie ed erbe aromatiche, pur salienti, vestono i sapori senza coprirli e non degenerano in gravami amari o legnosi. Acidità immediata e traente. Potenza e sostanza non comuni per la categoria.

Le Ragnaie (2012 uscita ritardata)

Rosso quintessenziale, siderale e sovralimentato di Punica Granatum: melagrana e ferro svettano, poi ciliegia, timo e altre erbe, cipresso. Succulento, progressivo, preciso e composto nello sviluppo. Presenza e persistenza all’altezza. Croccante nell’evocazione del frutto e per la fattura dei tannini. Coda di frutti rossi ed erbe con una bella nota amaricante in chiusura. Diritto e invitante.

Lisini

Profondo, teso, nervoso. Fresco, immediato nei riferimenti alla frutta fresca – ribes, amarena, visciola – per succulenza e presenza (sensazioni carnose). Menta ed elicriso. Bocca pulsante, vino energico, quasi irruento, di grande sostanza. In questa fase è energia compressa, ricerca della coordinazione. Da tornarci ancora molte volte, con piacere e curiosità, per i prossimi enne anni.

Sanlorenzo

Sarabanda di gioia, libertà e riconoscimenti assortiti e coesi, con la frutta rossa e la buccia di pesca più immediate e appena dopo erbe fini, rosa, anguria e note salmastre intense ma composte, fuse alle sensazioni più profonde di terra e spezie dolci. Al sorso trascende la freschezza e appaga per struttura e rigore: molta materia e molto slanciata dall’energia di acidità e tannini, sviluppo aromatico coinvolgente e lungo finale con ciliegia, pepe rosa e pastiglie al garofano. L’ultimo assaggio a giugno lo ha colto già più disteso, più nitido nelle note salmastre e speziate.

Resta in contatto con le Storie del Vino
Le novità, le news, le curiosità dal mondo del vino
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *