Close

28 novembre, 2014

Ein Prosit 2014 2 di 3


Antica trattoria a Malborghetto - 1903

Antica trattoria a Malborghetto – 1903


 

Brunello di Montalcino Riserva 2008 Biondi Santi

Come ci si avvicina propriamente a un vino che per principio – leggasi: per intima essenza, per storia, per le vive tracce mnesiche di assaggi precedenti, per un campo di possibilità evolutive che contempla più gradi di infinità – esige attesa e un’attenzione adiacente alla dedizione? Chiarisco: non è questione di culto, bensì di cultura. Il primo è inevitabile sovrastruttura, la seconda è, credo, il senso compiuto di un vino del genere, non inattingibile ma richiedente comprensione e immaginazione, passione e pazienza. Nel poco tempo disponibile, l’approccio forse unico possibile è l’approssimazione: l’accettare il giusto margine d’errore e d’indefinitezza, per nostro e non per suo limite. Per dare evidenza ed effabilità, pur sapendo d’errare in qualche misura, al latente e ineffabile. Così procedendo si può dare qualche elemento d’insieme senza alcuna pretesa di individuare: è di bontà complessiva e intransigente, non compiace, né ammicca. È profondità ed evocazione, essenza e misura, potenza senza peso. In questa fase si coglie al meglio per constatazione della sua stoffa, della consistenza, dei tannini duri, della marcante vena minerale e dell’attacco anch’esso intransigente per eleganza strenua e non affettata. Impressione tattile che si misura in minuti. Oracolare.

Brunello di Montalcino 2007 Biondi Santi

La piacevolezza elevata a nobiltà. Complice l’annata, è un vino già aperto e disteso, che alla quota di freschezza cherry-berry (citando Kerin o’Keefe) associa una ricca macedonia di frutta matura, con prevalenza schiacciante del colore rosso. In più cenni ferrosi e d’armelline, nocciolo di ciliegia, rovo, cenere, alloro e terra umida. Analoga percezione di ricchezza e distensione al palato, dove si svolge regolare, teso abbastanza ma senza risultare nervoso, preciso nei riconoscimenti e misurato nel calore, che contribuisce alla diffusione aromatica. Risaltano, dopo la Riserva, le differenze nella percezione tattile: maggior larghezza della trama, minor prominenza nei rilievi, minor pressione. Ma è un confronto ingeneroso e la bontà delle sensazioni finali lo relega a espediente: soprattutto la grana e il ricordo gustativo (cacao, rabarbaro) dei tannini, la distintiva e persistente sapidità, le sensazioni retrolfattive da distillato di frutta, connubio di calore e aroma sublimato.    

Resta in contatto con le Storie del Vino
Le novità, le news, le curiosità dal mondo del vino
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *