Close

17 dicembre, 2013

Benvenuto Brunello 2013 – Brunello 2008 (Fine/1)

Brunello

Brunello

BRUNELLO DI MONTALCINO 2008 

Poggio Celsi. Bouquet ampio, in debito di definizione e composizione ma non pesante, né lordo: note fruttate-acidule (agrume, mela granata, frutti di bosco) in staccato su uno sfondo scuro, di bosco e grafite, ricco di spunti balsamici e vegetali (erbe amare, papavero, cipresso). Ampio e caldo anche nell’approccio al palato, ben sostenuto dalla vena acida che ripete i riferimenti alla frutta rossa fresca (ciliegia, lampone), condizionato però da tannini tanto morbidi quanto invadenti per le note tostate e amarognole residue.

Querce Bettina. Introduzione con note marine, fruttate (fragola, arancia rossa) e di erbe aromatiche (timo, maggiorana). Solarità e immediatezza prevalgono al gusto: spigliato in attacco e per tutta la progressione con variazioni dal fiore al frutto, di saliente sapidità e costante freschezza. Piano, leggero, gentile anche per la fattura dei tannini. Persistenza flebile.

Corte dei Venti. Abbastanza ridotto, allude ad ampiezza e stratificazione d’aromi, intanto presenta i tratti forti (ruggine, selvaggina, cortecce e sottobosco). Si apre appena su cenni balsamici e vegetali (felce, edera), cenere e ciliegia. Più disteso al palato, soprattutto di più compiuta espressione la componentefruttata per freschezza, fragranza e acidità (bacca rossa). Tannini abbastanza dolci ma incisivi nella fase finale dello sviluppo gustativo, con un graffio verde a chiudere al frutto spazi di ritorno. Riassaggiato a ottobre scorso: più disteso all’olfatto, emergono le note più fresche del frutto rosso; nessuna variazione nella qualità e nella presenza gustativa dei tannini.

Salvioni. Austero, lento nel movimento, di grande classe. Non una sbavatura, pochi i cenni ma evocativi: anzitutto a una cospicua materia, con sensazioni di densità e calore; più in dettaglio, mare, ferro e succo di melagrana. Al palato impressiona subito per volume e presenza, evolve duro e reticente: un grande meccano dal movimento ancora indecifrabile. Tannini incisivi, ruvidi ma non alleganti o disseccanti.

San Lorenzo Bramante. Bella articolazione olfattiva: il naso spazia dalle note chiare e solari di agrume, ribes, verbena a quelle scure e ombrose di ardesia, edera, fogliame. Al sorso è pieno, teso, di buona struttura e tendenza calda. Progressione sicura e lunga persistenza su sensazioni di terra.

Di seguito la nota pubblicata su Intravino a novembre 2013, dopo la degustazione condotta da Armando Castagno a Sangiovese Purosangue: “Bramante ha compiuto 98 anni e in occasione del compleanno un’anima bella e bella penna ha scritto così: ‘Bramante l’imperterrito, che assomiglia a una vecchia vite, conscia delle sue belle screpolature, dei suoi nodi e delle sue asperità – sempre ritta, profondamente abbarbicata alla sua terra… “. Così il vino: la cospicua quota di galestro determina profondità e compattezza, un tratto distintivo scuro, di terra e rovo, ghisa e macchia marina. Caldo, carnoso e solido. Una versione classicamente imperterrita, conscia di nodi e asperità.”.

Resta in contatto con le Storie del Vino
Le novità, le news, le curiosità dal mondo del vino
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *