Close

6 ottobre, 2014

Benvenuto Brunello 2014 – (It’s Hard)


who-hard-2L’ultimo articolo sul Brunello è di maggio. Quattro mesi fa. D’altra parte se le note di degustazione hanno generalmente valenza di per sè, quelle di Emanuele ne hanno anche di più. Questa è l’intro alle sue note, che leggerete giovedì.
Il sottotitolo del post è It’s Hard, titolo dell’ultimo album degli Who degli anni ’80, il secondo dopo la morte di Keith Moon. Canzoni d’amore e di cuori spezzati, sonorità in fase di cambiamento. Ma è difficile, cambiare, It’s a Hard Life, diceva Freddy Mercury.
Cambiando genere, direi che per ricominciare (considerando che oggi è anche lunedì) potremmo ascoltare Gloria Gaynor che canta I Will Survive, ma subito dopo facciamo girare sul piatto gli ZZ Top e la loro La Grange. (Wine Roland)

L’è düra. È dura conservare la perseveranza nella nota tecnico-analitica quando la lettura ne restituisce un sapore di procedura automatica e non autentica. È dura, in tempi d’immagini penose, ripercorrere le immagini gioiose di un vino che ami e amerai indefettibilmente: è dura, ma per fortuna ho custodito le seconde anche per resistere alle prime. E sembrano meno insulse, meno macchinali queste note, grazie alle immagini che ancora vi ritrovo. Tornandovi dopo una pausa di due mesi, trovo un’inattesa parentesi serena: merito, innanzitutto, di Wine Roland, che è hospes assai paziente; quindi del bilancio, sorprendentemente ancora in attivo, tra dotazioni e lacune mnesiche. Merito, infine, di un vino e di un luogo ai quali un corredo forse disordinato ma pieno e vivace, un corredo di studi, volti, visite, assaggi e molte altre tracce, mi lega di una passione rara: perché, a differenza di tante altre, indefettibile.

Resta in contatto con le Storie del Vino
Le novità, le news, le curiosità dal mondo del vino
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *