Close

24 febbraio, 2016

Benvenuto Brunello 2015 – 22

George Szell

Brunello di Montalcino Selezione 2010

Salicutti Piaggione

La persona e il metodo di Francesco Leanza, vigneron-direttore esigente, mi ricordano la storia di George Szell allorché prese in carico una buona orchestra, quella di Cleveland, e nel volgere di un decennio ne fece un modello di precisione integra e suono cristallino. Secondo le parole del critico Bernard Adelstein, Szell usava la mano sinistra per dar forma a ogni suono e la sua era detta la più graziosa in ambito musicale. E Donald Rosenberg, nella sua The Cleveland Orchestra Story, riporta questa replica alla critica talvolta mossa a Szell circa la presunta mancanza di emozione delle sue esecuzioni, studiate e istruite con acribia non comune: “La linea di demarcazione è molto sottile tra chiarezza e freschezza, autodisciplina e severità. Esistono sfumature diverse di calore; dal calore casto di Mozart al calore sensuale di Čajkovskij, dalla passione nobile di Fidelio alla passione lasciva di Salomé.”.

Piaggione è un vino d’affezione profondo, elegante e austero, che riconcilia con il piacere del bere e dell’evocazione metaforica nel bere. Emozionante. Ampio e finissimo, definito nella ricca declinazione di bacche rosse e nere, visciola, rote Grütze, erbe fini, tuberosa, alloro, cumino e cafè creme. La grande stratificazione aromatica si svolge con ordine. Progressione cadenzata da sapidità infiltrante, freschezza di ribes e lampone, tannini piccanti e piacevolmente puntuti a donare una sensazione tattile puntuale e apprendente. Trama fitta e fine, di grande classe. Il sorso evoca terra, sottobosco ed erbe ad accompagnare il frutto, vaghezze di incenso e patchouli in retrolfazione. Finale di grande pulizia e lunghissima persistenza fruttata, arricchita da sottili cenni balsamici e speziati.

Brunello di Montalcino Riserva 2009

Stella di Campalto

Vale quanto appena detto per il vino di Francesco Leanza: anche questa Riserva riconcilia col piacere del bere ed è motore ideale, per chi è disposto all’incontro senza ansie da inquirente, per chi non pretende di riconoscere e si dispone a conoscere, di un imaginarium potente e variegato. Radici, terriccio, rose, garofani, amarene, menta e la fine amarezza di certe erbe da infuso. Incenso e ceralacca. Mandorla e rabarbaro per una leggera e corroborante amarezza in fondo all’olfatto. Spezie dolci in quantità e varietà. Un quadro di complessità e definizione siffatte è però agìto con slancio e leggerezza, è spirito vitale, etereo in senso letterale, leggero e luminosissimo.

Profondo, potente in attacco ed energico in allungo con l’impressione nitida di espansione (aromatica, volumetrica, calorica), ricco e integro nei riferimenti a bacche rosse mature, complesso e avvincente per quelli di cera, carne secca, ribes nero, alghe, erbe fini, radici e tabacco a chiudere. Incedere di sovrana eleganza e perfetto, naturale bilanciamento di struttura, purezza del frutto, calore, estrazione, freschezza tonificante e maturità del tannino. Lungo il finale con richiami ad amarena, armellina, fiori e humus.

Resta in contatto con le Storie del Vino
Le novità, le news, le curiosità dal mondo del vino
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *