Close

2 maggio, 2014

Benvenuto Brunello 2014 – 3

BrunelloROSSO 2012

Capanna. Immediato, molto fresco nel frutto, coinvolgente. Fragola, ciliegia, arancia sanguinella e dettagli di menta e iris. Al palato è inaspettatamente cremoso e accogliente, ha grande energia e una dinamica serrata e ricca di spunti: fiori, frutta rossa, panna fresca, coriandolo. Finale in crescendo calorico, sensibile ma senza eccessi, con buon contrappunto tannico. 

BRUNELLO 2009

Argiano. Naso timido e ordinato, leggero, quasi esitante. Piacevoli note di fiori e ciliegia, alloro, origano e terra. Al palato ha definizione aromatica e slancio apprezzabili, una bella sfumatura balsamica (pino, cipresso), ma procede stringendosi e asciugando.

Armilla. Medesimo registro: molto delicato al naso con prevalenza di aromi floreali, erbacei e cenni tostati, più contenuto il frutto. Freschezza a sostegno di una progressione gustativa corretta e continua fino alla fase mediana, quando cede di tensione e chiude velocemente.

Banfi. Frutta matura e preparata (composta di ciliegia, granatina, marmellata di prugna) insieme a tabacco su uno sfondo boschivo definito e abbastanza intenso. Al gusto è semplice e morbido, evolve con slancio moderato e corretta progressione fino a un passo dal finale, che rivela note balsamiche ed erbacee. Chiusura condizionata dal tannino asciugante, da registrare.

Barbi. Succo di ciliegia, mela granata, alloro, rosa e ibisco. Spezie, neroli, sottobosco e un ricordo d’orzata sullo sfondo. Impatto convincente al gusto per freschezza e definizione: diritto e disinvolto, si articola in una progressione discreta e continua, regolando la sua giovinezza in riserbo e misura. Finale quasi arioso, di grande pulizia.

Camigliano. Dulcineo, immediato. Connotazione fruttata e silvestre al naso, semplice ma non scontata, in seconda battuta salvia e salsedine. Sviluppo gustativo da manuale, corretto e senza sbalzi, poco coinvolgente.

Canalicchio di Sopra. Una sensazione di invitante, articolata e credibile freschezza già al primo contatto: frutto fresco (ciliegia, susina, ribes), menta, lavanda, fiume e ciottoli. Più in profondità sottobosco, calce e rosa. Sorso che conquista per slancio e impressione tattile: presa forte ma senza peso, frutto ben reso per aromi e freschezza, incedere ritmico ed elegante. Grande presenza. Lunga persistenza di ciliegia, sale, fiori in essenza e scorza d’agrumi candita.

Capanna. Austero e composto, in prima battuta assestato su note minerali scure (ardesia, pirite), carbone vegetale e frutto scuro (ribes nero, aronia). Al palato è un adagio: tempo lento, dinamica serrata e ricca di dettagli di frutto e bosco, grande e spessa trama, grande presenza con un continuo di tensione dall’attacco alla fase centrale in crescendo e fino alla lunga persistenza. Tannini coerentemente duri, alteri ma assolutamente buoni. Tra i migliori. 

Caparzo. Gentile, leggero e composto. Cifra di discrezione e sicurezza. All’olfatto cita con diligenza la frutta più tipica, arricchendola di una punta di spezie e un soffio balsamico. Come al naso, così al palato è discreto, poco espressivo e quasi sfuggente. Da riprovare.

BRUNELLO 2009 SELEZIONE

Banfi Poggio alle Mura. Interessante composizione di note boschive, minerali-ferruginose, di frutti di bosco e spezie, già abbastanza ben assiemati. Al palato è ancora slegato e confuso, merita riposo e un ripasso. 

Barbi Vigna del Fiore (2008). Più probante dell’assaggio al chiostro è stato quello, ripetuto più volte nelle giornate seguenti, da una bottiglia stappata durante il secondo giorno di fiera. Ciliegia fresca, sorba, mela granata e succo di ribes molto definiti; insieme a loro fiori rossi. Dinamica tracciata da una freschezza soave e dosata, sensazioni sapide e precisi ritorni al gusto; a contenere lo slancio, nella bottiglia provata al chiostro, era in questa fase primordiale il tratto brusco del tannino, con un apporto sovrastrutturale.   

BRUNELLO 2008 RISERVA

Barbi. Riservato e misurato all’olfatto, un abito aromatico classico e di eleganza votata all’understatement: fiori di campo, mela granata, susina, ciliegia e humus, tutti in pianissimo. È un vino in lontananza, da considerarsi solo in prospettiva: tanto contenuto da stringersi quasi nel suo finale serrato e asciutto, che lascia tutto in sospeso ad eccezione di un cenno fruttato e della freschezza rivelata.  

Resta in contatto con le Storie del Vino
Le novità, le news, le curiosità dal mondo del vino
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *