Close

4 agosto, 2015

Benvenuto Brunello 2015 – Degustazioni a Montalcino – 5

Stazione di Montalcino

BRUNELLO DI MONTALCINO SELEZIONE 2010

Le Ragnaie Fornace

Espressivo, chiaro e complesso. Fonde un assortito pot-pourri di spezie (curcuma, pepe, macis, vaniglia) a note di timo, mirtillo rosso, ribes, melagrana, arancia amara, cappero su uno sfondo minerale complesso, da calcare a ruggine. La risoluzione degli aromi è commovente. Tra i tre Brunello della casa è al momento della degustazione il più avvicinabile, ma a qualificare bevibilità e prontezza non sono rilassatezza e semplicità: è un vino di freschezza coessenziale, vibrante e slanciato nonostante la struttura. Combina fittezza di trama e un tocco gentile, vellutato. Progressione coinvolgente e finale superbo per lunghezza, persistenza e qualità dei riscontri aromatici, note di terra e fattura dei tannini – infusi e dolci, dissetanti.

Le Ragnaie Vigna Vecchia

Più sottile, lineare e delicato, invero molto fine e non estenuato. La nota leggiadra dà il via a una parata floreale e balsamica di grande finezza, tra viola, elicriso, issopo e sottobosco, con cenni di prugna e creta. Bocca molto elegante per struttura e unità espressiva, articolata e aggraziata, con progressione su frutto rosso, spezie e sottobosco, animata da viva acidità e tannini fendenti, molto buoni. Lunga persistenza e, a conferma delle prime impressioni, sensazione globale di grande pulizia ed eleganza.

Lisini Ugolaia (2009)

Fine e fermo. Al fondo dell’impressione di materia e densità si sonda la vena fresca e sapida. Per il resto, il naso è un bloc notes fitto di tratti accennati e crittografie con ciliegia, mora, humus, alloro, rosmarino, gelatina di ribes. Al sorso risaltano innanzitutto la dimensione tattile, il toucher de bouche intenso, diffuso e profondo, la presenza; quindi il calore; e, ad integrare una piacevole sensazione di piccantezza, il temperamento dei tannini e i molti cenni speziati. In persistenza una scia balsamica e fruttata di mirtillo, timo, sottobosco, tabacco sobranie. 

 

BRUNELLO DI MONTALCINO RISERVA 2009

Lisini

Poco da dire oltre tre aggettivi: caldo, solenne, ermetico. Dopo l’impatto quasi spiazzante per imponenza, l’impressione è molto positiva. Presenza quasi dominante. È chiuso, forte e denso, il legno è presente ma non sa di macchia indelebile. E poi il vino ha un’energia e un’acidità infuse che varrebbero da sole ad annoverarlo tra i beni durevoli della vituperata annata 2009, in barba ai viziosi dell’estimo.

Si, voglio ricevere le note di degustazione
di Benvenuto Brunello 2012
We respect your privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *